Sunday, Nov. 27, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 11 Mar 2014

|

 

Domenico Ferraro e l’esperienza dei casting milanesi per la ‘Casa degli Assi’

Domenico Ferraro e l’esperienza dei casting milanesi per la ‘Casa degli Assi’

Area

Vuoi approfondire?

Nel week-end appena trascorso si sono tenuti, a Milano, i primi casting de “La Casa degli Assi” dal quale sono emersi i potenziali partecipanti al format che prenderà vita ad aprile nella bellissima villa in Marocco.

Domenico Ferraro, 26 anni, organizzatore di eventi in locali notturni e grande appassionato del giochino, ha mancato per un soffio l’accesso al novero dei prescelti.

Domenico ci ha raccontato in esclusiva la comunque entusiasmante esperienza dei provini: “Il primo step è stata una brevissima chiacchierata di presentazione. Con me avevo il mio portafortuna: un nano [Brontolo] da giardino. Vuoi per questo, vuoi per altro, sono passato immediatamente alla seconda fase del casting”.

Nel pomeriggio, racconta Domenico, c’è stato dunque un secondo colloquio leggermente più approfondito: “Mi hanno subito detto che la mia immagine era molto interessante: mi piace vestire elegante e credo sia stato proprio ciò che li abbia colpiti. La conversazione è proseguita dunque su questo tema: il mio look e il mio atteggiamento ai tavoli e non si è indugiato troppo sul mio ‘curriculum pokeristico'”.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Passato anche questo secondo step, il promoter lombardo si ritrova tra gli ultimi 100 candidati che, come ci ha raccontato ieri Alberto “Grandealba” Russo, si sono sfidati domenica mattina in dieci sit’n’go full ring: “Una volta seduti ai tavoli – racconta Domenico – sono iniziati a passare intorno a noi Luca Pagano, Pierpaolo Fabretti e gli altri membri della giuria, ma, anche in questo caso, l’attenzione dei selezionatori era molto più focalizzata sul ‘personaggio’ che sul gioco in sé per sé. Pur restando sempre me stesso ho cercato di colpirli per quello che è la mia persona, cercando di offrire la miglior immagine ‘televisiva’ possibile. Una battuta a un giocatore, un sorriso, un monito a non rubare i blinds: l’importante era far emergere il vero Domenico Ferraro. Ho visto tanti ragazzi, invece, eccessivamente concentrati sul gioco e che, a mio avviso, hanno perso di mira l’obiettivo per cui in realtà eravamo seduti. Per partecipare ad un programma televisivo serve personalità“.

Al termine dei sit’n’go, la produzione ha selezionato solamente sedici persone. Domenico non è tra questi, ma pare davvero non avere rimpianti: “Mi sono divertito perché mi sono sentito naturale e autentico. Durante i casting ho ricevuto tanti feedback positivi sia da alcuni player che dai dealer, i quali potevano dare delle preferenze per la scelta finale, ma alla fine non ce l’ho fatta. Partecipare ad un reality mi avrebbe fatto conoscere davvero per quello che sono e non per l’immagine che si cerca o che gli altri ti danno. Ad ogni modo nulla è perduto! Ci sono ancora i satelliti online e potrei prenderla come sfida personale [ride]!”

E voi, cosa state aspettando? E’ ancora disponibile il form online per poter partecipare ai casting di Roma del 21-23 marzo!

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari