Saturday, Nov. 16, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 29 Lug 2014

|

 

‘The Poker Brat’ diventa ‘The Poker Baby’: Hellmuth torna bambino per una notte!

‘The Poker Brat’ diventa ‘The Poker Baby’: Hellmuth torna bambino per una notte!

Area

Vuoi approfondire?

Che fosse un bambinone era cosa nota, dato il suo temperamento al tavolo e nella vita di tutti i giorni – il soprannome The Poker Brat (il monello del poker) non gli è stato affibbiato così per caso. Che Phil Hellmuth fosse anche dotato di una certa dose di autoironia è sicuramente una novità.

Il tredici volte braccialettato, infatti, durante una puntata del ‘Poker Night In America‘ nel Maryland, ha deciso di indossare un costume da neonato con tanto di cuffietta sulla testa, sonaglio in una mano e biberon nell’altra.

Non è ancora chiaro se il tutto sia nato come iniziativa pubblicitaria, goliardata o come una delle tante prop bet in cui i Pro del tavolo verde si cimentano quasi tutti i giorni.

Le voci più insistenti parlano appunto di una scommessa persa da Hellmuth in quanto primo eliminato in un Sit&Go.

Così il campione del mondo, dopo aver avvisato su Twitter i suoi followers, si è presentato allo show e ha giocato ai tavoli cash vestito da poppante.

 

La rete, manco a dirlo, si è scatenata e, oltre ai presentatori di ‘Poker Night’ che hanno postato le foto della serata, anche alcuni colleghi di Hellmuth hanno commentato divertiti l’episodio.

(I presentatori durante la scelta del costume per Phil Hellmuth)

Sicuramente il cinguettio più curioso è quello di Doyle Brunson. ‘Texas Dolly’ ha incluso nella conversazione Phil Ivey, chiedendo in modo provocatorio quanto avrebbe chiesto ‘King Phil’ per indossare quel costume.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari