Wednesday, Jan. 26, 2022

Poker Online

Scritto da:

|

il 25 Set 2014

|

 

“Me cala la palpebra!” Anche i grinder professionisti conoscono la stanchezza…

“Me cala la palpebra!” Anche i grinder professionisti conoscono la stanchezza…

Area

Vuoi approfondire?

Giocare a poker per diletto, alla fine, tanto faticoso non lo è: apri la lobby della poker room dopo cena, scegli il torneo più adatto a te, magari turbo perché la sveglia per il lavoro arriva presto, e provi a fare del tuo meglio, senza troppa pressione, cercando soprattutto di trascorrere qualche piacevole ora giocando a carte.

La situazione, però, è davvero diversa per un grinder di professione, soprattutto quando ci sono in ballo manifestazioni online quali WCOOP su PokerStars.com, ICOOP su PokerStars.it e SCOOP su entrambi i siti.

Decine e decine di eventi, buy-in importanti, strutture estremamente tecniche che rendono i tornei vere e proprie maratone, tensione costantemente alta ed elevata sedentarietà dovuta all’enorme volume di gioco richiesto durante questi brevi ma intensi periodi di ‘campionato’.

Tutti fattori che mettono alla prova anche i professionisti più navigati dell’online, perché trascorrere gran parte della giornata davanti a un monitor e chiedere uno sforzo extra alla concentrazione, poi, non è cosa automatica e semplice.

Anche lo stesso Stefano ‘easylimp’ Terziani, autore di un ottimo runner-up al WCOOP, ci ha rilasciato appena tre giorni fa queste dichiarazioni:

“Sono molto felice del risultato ottenuto ma allo stesso tempo esausto, visto che ho avuto poco tempo per riposarmi. Siamo nel bel mezzo delle WCOOP e chi si ferma è perduto. Mi rilasserò tra una settimana quando questa grande manifestazione online sarà finita.”

Proprio il WCOOP Pokerstars, campionato del mondo online da 66 eventi concentrati in tre settimane (terminerà il 28 settembre con il main event da 5,200$ di buy-in), sta mettendo alla prova Faraz Jaka, istrionico player statunitense, che ha fotografato la sua postazione di gioco in quella che lui definisce una ‘cave’ a Mexico City, ovvero una ‘grotta’.

Dice che sta giocando una media di 70 ore settimanali, pari a dieci ore quotidiane.

Ecco, dunque, il suo organizzatissimo ‘bunker’ messicano:

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

jaka

 

Più provato di Faraz, comunque, sembra essere il finlandese Jens ‘jeans89’ Kyllonen che, del resto, ha fatto ancora meglio del collega americano: 80 ore di poker online nell’ultima settimana. Il suo aspetto non appare decisamente dei più riposati:

kyllonen

 

 

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari