Wednesday, Oct. 16, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 9 Ott 2014

|

 

“Oggi i deal hanno più EV di un anno fa” Cristiano Guerra sulla convenienza degli accordi nei tornei .it

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

“Oggi i deal hanno più EV di un anno fa” Cristiano Guerra sulla convenienza degli accordi nei tornei .it

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Come ci ha rivelato lui stesso, più volte in passato aveva rifiutato.

Lunedì notte invece Cristiano ‘crisbus81′ Guerra ha accettato il deal al Sunday Special per vincere poi l’heads-up con Riccardo ‘Xbnxr’ D’Errico e acciuffare i 5.000€ lasciati al vincitore, sfatando un suo personale tabù che col tempo stava quasi diventando un’ossessione.

Cristiano ci ha spiegato i motivi che l’hanno portato ad accettare il deal, legando la decisione con la parabola decrescente delle room italiane.

Considerando che la differenza di 30.000€ tra primo e secondo posto che c’è al Sunday Special equivale a vincere 3/4 domenicali delle altre poker room, la scelta di riequilibrare il payout è stata senz’altro quella migliore. A ogni modo lasciare 5.000€ al primo non è da poco, se si pensa che mediamente corrisponde alla prima moneta raggiunta dal Night On Stars (il giornaliero da 100€ di buy-in di Pokerstars, ndr) durante la settimana. Chiaramente i 50.000€ al vincitore del Sunday Special sono una scelta di marketing, tutto sommato neanche sbagliata. Inoltre essendo Pokerstars la prima room che ha permesso di fare deal durante i tornei si può permettere di lasciare questa disparità tra i premi, perché comunque spesso e volentieri i giocatori raggiungono un accordo, specialmente in questo torneo. A ogni modo 6 anni fa i tornei pagavano sempre così, e se ne trovavano molti dove il primo premio andava oltre i 20.000 euro ogni domenica, senza contare che spesso lo Special superava abbondantemente il garantito. Oramai il mercato si è ridimensionato in modo drastico e quindi oggi ha molto più senso fare deal che in passato”.

Per Cristiano Guerra la situazione odierna del poker punto it è determinata in larga parte dall’abbandono di quei giocatori occasionali che si sono stancati presto di uno skill game come il poker, che premia solamente nel long term.

“In linea generale penso che il numero degli utenti sia diminuito drasticamente. Diciamo che i giocatori occasionali hanno perso l’entusiasmo per uno skill game che premia solamente nel lungo periodo. Non a caso l’introduzione degli Spin&Go su Pokerstars si è rivelata una formula vincente per riportare qualche giocatore all’interno della room. In linea di massima il field si è asciugato parecchio, in giro si trovano sempre meno “fish” ed è questo il motivo per cui anche i reg tendono ad allontanarsi. E’ un mercato saturo con payout poco accattivanti, a cui si deve aggiungere un Ev ridimensionata e un field più duro”

Più che fare affidamento sulla sola rakeback, secondo Cristiano i regular farebbero meglio a prendere una decisione drastica:

“Senza dubbio il sistema di rakeback presente in Italia incide positivamente sulle entrate di un giocatore professionista, considerando che i mercati esteri spesso non presentano condizioni altrettanto favorevoli. Tuttavia l’allontanamento dei regular è un dato di fatto. Io ormai gioco quasi solamente nel week-end, eccetto qualche rara volta in cui lo faccio per divertimento, ma sinceramente non ne vale più la pena. La scelta giusta per chi vuole fare il pro è quella di andarsene all’estero, perché per fare lo stesso sulle .it bisogna avere un “cuore” grande”

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari