Tuesday, Oct. 15, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 25 Feb 2015

|

 

Poker tax: revisione fiscale in Portogallo, si allontana l’ipotesi del mercato comune

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Poker tax: revisione fiscale in Portogallo, si allontana l’ipotesi del mercato comune

Area

Vuoi approfondire?

Dopo mesi di attesa sembra finalmente che la situazione del gaming in Portogallo stia prendendo una piega ben precisa: in questi giorni il consiglio dei ministri stabilirà la tassazione inerente al poker online.

Secondo il sito d’informazione iberico, Poker Red, la nuova tassazione potrà variare tra il 15% e il 30%. Gli operatori con fatturato inferiore ai 5 milioni di euro l’anno “subiranno” la tassazione minore, quelli che avranno introiti superiori ai 10 milioni di euro dovranno versare la tassazione massima.

L’ente regolatore del gioco avrà dunque il diritto esclusivo di controllare i server delle varie room comprese tutte le informazioni relative al database dei player.

Se la nuova tassazione venisse messa in atto, svanisce ogni speranza di vedere il Portogallo unito ad altri mercati europei. In questi anni, infatti, si è parlato di un possibile coinvolgimento della nazione lusitana con i progetti di Italia e Spagna per una liquidità comune per il poker online.

La Francia, terzo Paese interessato per lungo tempo a un mercato plurilaterale, ha deciso nel gennaio dello scorso anno di andare avanti con i propri mezzi, restando confinata al territorio nazionale.

Male per noi, bene per loro: i lusitani avranno infatti la possibilità di continuare a giocare sul dot com, come permesso dalle attuali norme in vigore.

Nel mentre Dogj (ente regolatore spagnolo) e AAMS sembrano ancorate in una permanente situazione di stallo. In Italia, al momento, le cose non sembrano andare così male, ma come ben sappiamo lo stato di salute del poker online è costantemente a rischio: un mercato condiviso, che sia con la Spagna o chiunque altro, potrebbe solamente portare benefici all’intero movimento.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari