Tuesday, Sep. 29, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 23 Mar 2015

|

 

“Dura passare se fosse davvero cascato un 10…” Musta racconta la mano ‘thrilling’ che ci ha regalato la coppa!

“Dura passare se fosse davvero cascato un 10…” Musta racconta la mano ‘thrilling’ che ci ha regalato la coppa!

Area

Vuoi approfondire?

Mentre Dario Sammartino archiviava il suo Heads-up contro Alex Bilokur, trovando un magico 10 river e portando l’Italia sul 2-0 provvisorio, le telecamere della GPM erano concentrate sul feature table dove Mustapha Kanit era impegnato in un tribettato cruciale contro Vladimir Troyanoviskiy.

Sull’apertura pre-flop di Musta a 13.000 con KJ, il russo rilanciava a 35.000 con 10J, trovando il call del nostro alfiere.

Su flop K610, c-bet a 27.000 per Troyanoviskiy e call di Kanit. Second-barrell a 67.000 su turn 3 e ancora call per Mustacchione.

Proprio in quel momento, però, le telecamere si spostavano per seguire l’all-in di Dario e una volta rientrate al tavolo di Musta ci lasciavano di sasso: il river risultava essere (anche in questo caso) un 10, uno dei due outs che avrebbero permesso al russo di passarci avanti!

La grafica e la regia ingannavano tutti mostrando un Kanit meditabondo sull’all-in del russo:

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

mustagraph
Ma la realtà delle cose era ben diversa: di lì a poco la grafica del board veniva improvvisamente corretta, mostrando come quinta un carta un 7… il vero river sceso in questa mano! Nemmeno il tempo di realizzare ed ecco che arrivava il call del russo (l’all-in era di Musta!) che ci consacrava campioni.

Nel pomeriggio abbiamo chiesto al nostro fuoriclasse un commento tecnico sulla mano, domandandogli, cosa avrebbe fatto qualora fosse caduto proprio un 10 maledetto…

“Se fosse davvero cascato un 10 al river, il mio avversario avrebbe certamente pushato ed io avrei fatto un enorme fatica a passare. Fortunatamente è sceso un 7 davvero safe e sul suo check in ultima strada il mio all-in è stato quasi automatico: ero pressoché certo avesse proprio una mano come 10-x o qualcosa come J-J e che avrebbe dunque potuto chiamare. Ai suoi occhi potevo aver missato parecchia roba su quel board, per questo non condanno il suo call. Allo stesso tempo, però, non mi è piaciuta affatto la sua condotta: su quella bet al turn ero convinto fosse bluff, ma dopo aver bussato river era abbastanza face-up e avesse medio valore!”

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari