Friday, Aug. 12, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 28 Mag 2015

|

 

WSOP Backstage Day1: l’orgia di Doyle, le preoccupazioni di O’Dwyer per i cutting cards…

WSOP Backstage Day1: l’orgia di Doyle, le preoccupazioni di O’Dwyer per i cutting cards…

Area

Vuoi approfondire?

Terra degli eccessi per 365 giorni l’anno, durante le World Series Of Poker Las Vegas diventa un condensato di storie bizzarre e assurde da poter racchiudere in un libro.

Giorno per giorno cerchiamo di raccogliere le più significative per i nostri lettori: vediamo dunque cosa è successo nella prima giornata WSOP.

 

L’ORGIA DI DOYLE BRUNSON

Ogni anno, prima dell’inizio delle World Series, le sue apparizioni al Rio Casinò sono oggetto di miriadi di illazioni: arriverà? Giocherà qualche evento o si limiterà a tifare i suoi ‘cavallini’?

Per questa edizione WSOP Doyle Brunson sembra davvero lanciatissimo: primo giorno di tornei e subito ha lasciato il segno con un Tweet dal tasso di bomberismo degno del miglior Vieri (o Bilzerian, se preferite).

Tutto nasce dall’invito di una blogger a fermarsi all’Hooker Bar e lasciare belle mance ai baristi.

Doyle risponde che anche se non ceneranno insieme, prenderà volentieri un drink assieme a lei.

Nella discussione si intromette Maria Ho, che chiede se può unirsi alla bevuta.

E qui il bomberismo di Doyle si fa dirompente: “Potremmo anche pianificare un’orgia… Sono interessato!”

orgia-doyle-brunson

83 anni in carrozzina a rotelle, e non sentirli affatto…

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

 

 

I CUTTING CARD TRASPARENTI

Di storie bizzarre però non succedono solamente fuori ai tavoli, ma anche ai tavoli stessi…

Lo sa bene Steve O’Dwyer, che su Twitter ha chiesto con una vena di preoccupazione se nei mazzi del primo evento WSOP ci fossero i ‘cutting card’ gialli trasparenti.

Pochi minuti dopo l’irlandese rincara la dose e chiarisce i motivi della sua preoccupazione.

Il tournament director WSOP Jack Eiffel gli ha assicurato di avere buttato le mascherine trasparenti nella spazzatura, ma Jack scrive di aver visto alcuni dealer usarle ancora nella edizione WSOP 2013:

Se qualcuno gli dovesse confermare l’uso delle mascherine trasparenti, l’irlandese si farà trovare pronto… Non è dato sapere se a guardare le carte degli avversari, o ad adattarsi come se gli altri sappiano le sue!

 

 Se vuoi vivere, commentare e tifare in diretta le WSOP 2015 partecipa all’evento Facebook!!!

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari