Thursday, Sep. 19, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 9 Nov 2015

|

 

Federico Butteroni: “Hanno vinto gli amici, mi hanno aiutato a credere che avrei potuto farcela!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Federico Butteroni: “Hanno vinto gli amici, mi hanno aiutato a credere che avrei potuto farcela!”

Area

Vuoi approfondire?

Poteva andare meglio, certo. Ma il rischio di chiudere al nono posto, comunque, era altresì concreto.

Federico Butteroni è fuori dalla lotta al braccialetto e, passato lo shock dei primi istanti, si è dimostrato piuttosto tranquillo nelle interviste di rito ‘post gara’.

Ha sottolineato quanto sarebbe stato importante runnare bene, cosa che evidentemente non è successa: “Vedere buone carte era importante – ha spiegato Federico ai microfoni di Pokernews.com – specialmente nella prima ora e mezzo di gioco. Non è stato così, però sono felice perché ho migliorato la mia posizione di partenza”.

Butteroni ha poi accennato alla mano dell’eliminazione, di fatto un cooler: “Ho visto A-J, il primo asso in quaranta mani. Ho pensato potesse essere una buona occasione per il double-up. Joe ha girato A-K, così sono uscito. Non ho nulla da rimpiangermi, sono felice”. 

Oltre all’incredibile risultato, lo ha reso felice la presenza degli amici, che sono andati fino a Vegas pur sapendo che l’avventura sarebbe potuta terminare subito.

“Anche coloro che per svariati problemi non sono potuti venire – spiega Federicohanno colto ogni occasione buona per supportarmi, scrivendomi messaggi e facendomi sentire il loro calore da lontano. Avevo solo 15 big blind, sarei potuto uscire alla prima mano, ma chi è venuto qui se n’è fregato e lo ha fatto solo per il piacere di fare il tifo. Credevano potessi vincere e mi hanno aiutato a credere la stessa cosa”.

Butteroni sarebbe contento vincesse Max Steinberg, ma al microfono ha usato comunque una buona dose di diplomazia.

Ha concluso tirando in ballo l’Italia, nella speranza che la sua prestazione possa dare una mano al poker nello stivale.

“Attualmente il poker non gode di una buona luce nel mio paese, quindi spero, avendo rappresentato non solo me stesso ma l’Italia dando il massimo, di aver fatto qualcosa di buono per il movimento…”.

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari