Sunday, May. 26, 2024

Poker Online

Scritto da:

|

il 12 Apr 2016

|

 

Actaru5 – I 5 errori da non commettere al Main Event SCOOP

Actaru5 – I 5 errori da non commettere al Main Event SCOOP

Area

Vuoi approfondire?

Dopo 12 giorni di grandi tornei, sale l’attesa per l’evento di punta di queste Spring Championship Of Online Poker di PokerStars.

Fra pochi giorni infatti (il 17 aprile per l’esattezza) partirà l’ambitissimo Main Event SCOOP da €250 di buy-in e ben €500.000 di montepremi garantito, affiancato come al solito dalla controparte “low”, buy-in di €50 e prizepool da €150.000.

Una struttura decisamente tecnica, che prevede livelli da 20 minuti e uno stack di partenza di 10.000 chips, ma non basta avere molto spazio di manovra per avere la meglio alla fine dei giochi.

Abbiamo quindi chiesto al pro di PokerStars Actaru5 i 5 errori da evitare per ottimizzare la nostra durata al torneo: prendete un bloc notes e appuntatevi tutto per domenica prossima!

(P.s. se volete altri consigli in diretta del pro mascherato, ricordate che è un accanito Twitcher e tutte le SCOOP vengono trasmesse in diretta sul canale di PokerStars)

1 – Iniziare il torneo stanchi

“È un torneo che può diventare parecchio lungo (e vogliamo che sia così). Quindi iniziare sereni e riposati è fondamentale. Arrivare in fondo non deve essere un ‘caso’, ma il nostro obiettivo!”

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

2 – ‘Sentire’ la cifra

“È un torneo dal buy-in comunque importante, ma non dobbiamo perdere mai di vista l’EV. Essere troppo impauriti, ad esempio in bolla, può portare a perdite di EV considerevoli. Se giochiamo il torneo, ogni rischio che valga la pena prendere, va preso!”

3 – ‘Overvaluare’ le mani ai primi livelli

“In una parola, si parte 500x e, al primo livello, non vorremo mai giocarci lo stack preflop con A-Ks o Q-Q! Talvolta anche il valore di K-K può essere davvero basso. Ripensiamo sempre a tutta l’action e non dimentichiamo di metterci nei panni dei nostri avversari.”

4 – Disperarsi quando si è short-stack

“Il gioco short-stack è una fase importantissima dei tornei. Il più delle volte ci ritroveremo in questa situazione, avendo noi lo stack più corto. Saranno tanti spot, che dobbiamo giocare al meglio. Il che non significa assolutamente chiudersi eccessivamente, ma affrontare i nostri rischi calcolati, in piena coscienza.”

5 – Mindset e… portafortuna!

“Se qualcuno nel passato ci ha regalato un cornetto rosso, non è il momento di lasciarlo chiuso nel cassetto! Tiriamolo fuori e mettiamolo accanto al mouse! Con questo voglio semplicemente dire che la fortuna sul singolo evento conta di sicuro, il che implica tanto, soprattutto a livello emotivo. Concentriamoci sul gioco, non entriamo nello sconforto per una pesante bad beat, e non ‘gasiamoci’ troppo se, al contrario, la infliggeremo. Rispettiamo la componente fortuna presente nel gioco. È assolutamente importante non farci condizionare emotivamente, nel bene e nel male. Il nostro gioco si esprimerà al meglio solo se saremo in grado di lasciare le emozioni fuori dal tavolo. Quindi, se proprio non sapete rinunciare al pensiero che siamo sotto l’influenza degli astri, tirate davvero fuori il cornetto rosso e lasciate la responsabilità a lui di gestire questa parte, tanto non potrete condizionare la componente casuale in alcun modo! Tutto quello che possiamo fare è prendere le scelte giuste, o quantomeno riflettere su quale sia la soluzione migliore alla serie di ‘quesiti’ che il gioco ci porrà di volta in volta, non dimenticando che questi ‘quesiti’ nascono spesso dentro di noi. Questa alla fine è la parte difficile del gioco. Alcune ‘domande’ sono immediate, e dobbiamo giusto trovare le risposte (il che può comunque non essere semplice), ma a volte le cose si complicano un po’ di più e dobbiamo anche ‘cercare’ le domande giuste! Alla fine, è soprattutto per questo che il poker è un bel gioco, per il modo in cui fa lavorare il cervello!”

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari