Thursday, Oct. 29, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 12 Lug 2016

|

 

Gli strani incontri di Danielle Andersen: Howard Lederer e la giocatrice che voleva essere eliminata

Gli strani incontri di Danielle Andersen: Howard Lederer e la giocatrice che voleva essere eliminata

Area

Vuoi approfondire?

Danielle Andersen è una giocatrice americana ex professionista di Full Tilt che spesso attraverso Twitter racconta gli episodi della sua vita pokeristica, e sembra che davvero capitino tutte a lei.

Possiamo ricordare ad esempio le serate ad alta gradazione alcolica con Gus Hansen, o le bizzarre giocatrici del ladies event delle WSOP di tre anni fa.

Questo anno Danielle si è tenuta un po’ distante dai tavoli delle World Series Of Poker, preferendo come molti altri giocatori i tavoli cash che ci girano attorno, ma per il Main Event un’eccezione va sempre fatta.

Nemmeno stavolta il diario su Twitter della ragazza ci delude: al suo tavolo si siede un’altra donna, che evidentemente non capisce nulla di poker e dichiara di essere lì soltanto perché era il compleanno del marito, che come regalo voleva che la moglie provasse l’ebbrezza di un Main Event da $10.000!

Questo -direte- è un bel vantaggio per chiunque si trovi a quel tavolo, che dispone praticamente di un bancomat di chips, in particolare quando la donna comincia a lamentarsi e a dire di volersene andare, chiedendo addirittura al dealer se fosse possibile spartire le sue chips agli altri giocatori del tavolo.

Al secco “no” del dealer, la non-giocatrice decide di shovare a caso per ottenere ciò che vuole, ma il suo K-4 distrugge la coppia di 8-8 dell’avversario e lo stack della donna sale da 22.000 a quasi 50.000.

La pacchia però non è destinata a durare, e la malvoluta cavalcata si arresta quando un uomo pusha 60.000 su un piatto da 5.000 con 5-5 su Q-5-3 e lei chiama con Q-J, imprecando allo showdown… ma solo perché convinta di partire in vantaggio. Alla fine però la signora ha ottenuto ciò che voleva, player out.

Dalle risate al mal stomaco, Danielle si congela quando vede Howard Lederer prendere il posto appena lasciato dalla non-giocatrice. Danielle -ricordiamo, ex pro di Full Tilt- comincia a sentirsi fisicamente male dalla presenza di Howard, provando una forte rabbia nei suoi confronti e non sapendo come comportarsi.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

“Non ha già causato abbastanza sofferenze? Deve per forza mostrare la sua faccia ed essere un costante ricordo del periodo peggiore della mia vita?” dice, spiegandosi poi meglio in un’intervista a pocketfives: “Ammetto di sentirmi davvero scossa, e mi piacerebbe che non fosse così. Non voglio che lui abbia questo potere su di me. Ad essere onesta all’inizio ero senza parole, mi ci è voluto un po’, ma alla fine mi sono detta ‘Devo dire qualcosa’. Non sono il tipo che offende o urla, non è il mio stile. Altre persone magari erano arrabbiate, ma lui a me ha portato solo una profonda tristezza e il bisogno di dire qualcosa.”

“Io: non ti disturba che la gente a vederti provi dolore fisico? Ad esempio io mi sento davvero il mal di pancia perché tu sei qui. Lui: Sì, mi disturba. Io: E allora perché sei qui? Il minimo che puoi fare è lasciarci da soli. Nessuna risposta.”

Andersen si è sentita davvero male dall’incontro con Howard, al punto da dover uscire dal tavolo, fare una passeggiata e bere qualcosa per riuscire a sopportare il nervosismo, anche perché giocare in quelle condizioni non fa che dare un vantaggio a lui e un handicap a lei.

Ho portato rispetto, non gli ho urlato dietro. Non ho fatto nulla del genere. La mia impressione è che effettivamente gli dispiaccia che tutti lo odino, e non so la storia completa, magari non è così colpevole come noi tutti pensiamo. Ma il punto è che non importa, lui ha giocato un ruolo maggiore nella storia, quella che è stata per molta gente il periodo più brutto della propria vita, un periodo davvero difficile.”

Anche gli altri giocatori al tavolo hanno perso il sorriso all’arrivo di Howard. Un giocatore ha anche detto a Danielle al suo ritorno dalla passeggiata antistress: “Complimenti, ben detto. Sono felice che tu abbia detto qualcosa. Va tutto bene?” e sembra che altre tre persone abbiano parlato, in supporto alle parole di Danielle.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari