Sunday, Aug. 18, 2019

Strumenti

Scritto da:

|

il 11 Ago 2016

|

 

Icmizer2 aggiunge l’opzione IKCM per calcolare l’ICM ai tornei Knock Out

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Icmizer2 aggiunge l’opzione IKCM per calcolare l’ICM ai tornei Knock Out

Area

Vuoi approfondire?

Come avrete notato PokerStars sta puntando molto sulla formula Knock-Out, snobbata per lungo tempo e ora protagonista di un rush di popolarità.

Alcuni la amano, altri la odiano, ma il trend del momento è questo e ogni MTTer deve imparare ad adattarsi alla situazione.

La formula KO modifica molti equilibri del gioco, soprattutto per quanto riguarda le aspettative di vincita, che non sono più interamente dipendenti dalla posizione d’arrivo ma anche dal numero di taglie intascate nel corso della partita.

Viene da sé che bisognerà revisionare i propri range per adattarli alla formula, ma questo processo può essere più specifico del semplice “allargare i range di push e call”.

Il noto software ICMIZER2 ha aggiunto a grande richiesta l’opzione “Knock-Out“, che agisce in maniera simile al solito ICM traducendo il proprio stack in un valore percentuale del montepremi delle taglie, e permettendo così di avere un approccio matematico al calcolo dell’equity.

I programmatori di ICMIZER2 hanno voluto sottolineare però che un calcolo preciso è veramente difficile e lungo da effettuare, ma sono riusciti a trovare una formula che approssimativamente corrisponde ai calcoli effettuati utilizzando un generatore Monte Carlo.

Il metodo Monte Carlo è un processo statistico/probabilistico che si basa sul calcolo di un gran numero di simulazioni di eventi per trarre delle conclusioni più vicine possibile al risultato corretto (come il long term nel poker). Utilizzare questo metodo in ICMIZER2 sarebbe stato troppo lento, poiché il programma dovrebbe simulare migliaia di permutazioni per arrivare al risultato.

Vediamo un esempio del suo funzionamento: siamo ad un S’n’G KO 6-Max di PokerStars che premia i primi due giocatori alla pari, il resto del montepremi è distribuito in taglie. Siamo da SB con 599 chips, sul BTN c’è il chipleader con 1801 chips e sul BB un altro giocatore con 600 chips.

La strategia ottimale rilevata da ICMIZER2 dice che dopo il fold del BTN noi dovremmo pushare il 60% delle mani e il nostro opponent da BB dovrebbe chiamare il 45%.

Per capire come incida il valore delle taglie, si noti che aumentando il nostro stack di 1 chip (ovvero esattamente pari stack con il BB), il nostro range di push dovrà essere del 68%, e il suo range di call del 52%, mentre se noi avremo un vantaggio di 1 sola chip sul BB, allora dovremo pushare il top 79% e lui dovrà chiamare con il 47% delle mani.

IKCM non funziona ancora bene nell’analisi di MTT prima del Final Table, opzione sulla quale stanno ancora lavorando, e non può analizzare i tornei in modalità Progressive KO, in quanto eliminando giocatori diversi otterremo premi sostanzialmente diversi, e dovremo quindi impostare un bounty diverso per ogni giocatore al tavolo, opzione che gli sviluppatori non hanno intenzione di introdurre per il momento.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari