Sunday, May. 19, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 15 Set 2016

|

 

Negreanu e Hellmuth snobbano Pescatori tra i candidati per la Poker Hall of Fame

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Negreanu e Hellmuth snobbano Pescatori tra i candidati per la Poker Hall of Fame

Area

Vuoi approfondire?

Non mancano mai  i commenti e le polemiche in seguito alle nomination della Poker Hall of Fame.

Pochi giorni fa sono stati comunicati i dieci nomi del 2016 candidati ad entrare nella mitica lista delle WSOP, che conta già 50 giocatori premiati dal 1979 ad oggi.

Per il secondo anno consecutivo nelle nomination c’è anche il nostro Max Pescatori, che abbiamo sentito a caldo e ci ha rilasciato dichiarazioni molto ottimistiche.

Il pirata di Lottomatica sembra convinto di potercela fare questa volta, eppure i grandi nomi del poker mondiale lo snobbano clamorosamente.

Navigando per esempio su Twitter, possiamo notare subito come il nome di Pescatori non sia nemmeno contemplato tra i favoriti di gente come Negreanu e Hellmuth.

Daniel Negreanu ha lanciato un sondaggio online che riguarda solo i suoi favoriti e Pescatori non compare. In un lungo post sul sito Full Contact Poker ha poi voluto chiarire meglio le sue idee.

Secondo il player più vincente della storia dei live, bisogna leggere bene i criteri della Hall of Fame. Sull’età minima di 40 anni c’è poco da discutere.

I candidati alla vittoria devono inoltre aver giocato high stakes ad alti livelli per molto tempo guadagnandosi il rispetto della comunità.

Altrimenti, per i non giocatori, deve essere riconosciuto il contributo alla crescita del poker con risultati positivi e duraturi.

Stando alle parole di Negreanu, solo quattro giocatori candidati del 2016 rispettano tutti i criteri: sono Chris Bjorin, Todd Brunson, Carlos Mortensen e David Ulliott.

Max Pescatori secondo Negreanu partirebbe con un paio di punti di distacco, alla pari con Eli Elezra e Bruno Fitoussi.

Matt Savage insieme a Fitoussi potrebbe invece entrare nella Hall of Fame grazie al criterio unico previsto per i non giocatori.

Negreanu si sofferma poi ad analizzare quali nomi avrebbero meritato di essere tra i dieci: David Chiu, Huck Seed, John Duthie, David Oppenheim, Ray Dehkarghani, Jeff Lisandro, John Hennigan…

 

 

Molto più conciso è stato Phil Hellmuth, che su Twitter ha comunicato in maniera decisa chi sono i suoi due favoriti per la vittoria.

Hellmuth dice di essere d’accordo con le idee di Negreanu e fa due nomi forti: quelli di Carlos Mortensen e David Ulliott.

 

hellmuth-nomi

 

 

Proprio la presenza dell’inglese David ‘Devilfish’ Ulliott tra i candidati ha generato anche in questa edizione spiacevoli polemiche.

L’opinione pubblica sul player britannico scomparso il 6 aprile 2015 è spaccata. Mike Matusow su Twitter ha fatto un intervento alquanto infelice.

Ecco cosa ha scritto un polemico Matusow: “Tutti vogliono David Ulliott perché è morto ma non ha fatto nulla per il poker. Questa lista è una disgrazia“.

Ci ha pensato Barny Boatman a difendere l’onore del compianto connazionale: “Devilfish ha permesso al poker di espandersi anche in Europa“.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari