Sunday, Oct. 20, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 10 Mag 2017

|

 

Occhio alle nuove regole delle WSOP sul clock! Scoppia la polemica tra i giocatori

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Occhio alle nuove regole delle WSOP sul clock! Scoppia la polemica tra i giocatori

Area

Vuoi approfondire?

Ogni anno le World Series of Poker aggiornano le loro regole e i partecipanti dovrebbero aggiornarsi a riguardo.

In vista dell’edizione del 2017 non ci sono tanti stravolgimenti da segnalare, ma è stato toccata una questione molto delicata.

Alle prossime WSOP (che partono tra una ventina di giorni!) cambia infatti radicalmente la regola sul clock. Se avete programmato la trasferta a Las Vegas, fate attenzione a questo importante dettaglio.

Proprio in questi giorni Daniel Negreanu ha parlato sul suo blog del problema del clock alle WSOP, sostenendo che presto anche al Rio dovranno per forza adottare il famoso ‘shot clock’.

In realtà per adesso gli organizzatori delle World Series hanno deciso di non convertirsi ad un vero e proprio shot clock, ma hanno optato comunque per una drastica presa di posizione contro lo ‘stalling’.

Cosa cambia in sostanza? Ora ve lo diciamo precisamente. Prima di tutto non esistono più i 2 minuti minimi che erano considerati il lasso di tempo ragionevole da far trascorrere prima di chiamare il clock.

Ora i giocatori al tavolo possono chiamare il clock in qualsiasi momento, se ritengono che un partecipante stia bloccando l’azione pensando troppo.

Come al solito arriva a quel punto il floorman, che però non conterà più 1 minuto. A sua discrezione potrà contare tra i 10 e i 40 secondi! Sono compresi i 10 secondi del countdown, particolare che resta invariato.

Viene data in pratica una grandissima responsabilità al floor, visto che egli può anche decidere di non far partire subito il clock quando viene chiamato, a seconda della situazione, per evitare un abuso della strumento.

Il floor può inoltre far partire il clock senza la richiesta di alcun giocatore! Tutto insomma sta alla discrezionalità del floor.

Chi viene beccato a rallentare deliberatamente il gioco si becca una penalità. I giocatori stessi sono invitati dunque al rispetto reciproco e alla collaborazione.

Vi proponiamo qui di seguito come è cambiata nel dettaglio la vecchia regola sul clock, direttamente dal relativo file PDF scaricabile direttamente dal sito ufficiale delle WSOP.

 

 

Come prevedibile, i giocatori hanno reagito in maniera contrastante a questa novità. I colleghi di PokerNews hanno raccolto qualche parere illustre.

Allen Kessler per esempio dice: “La regola andava cambiata, ma sono preoccupato perché 40 secondi mi sembrano troppo pochi. In certi spot importanti non sono abbastanza“.

Sul forum TwoPlusTwo si continua a discutere. C’è giustamente chi fa notare che il tempo per riflettere si è ridotto praticamente dai 3 minuti (2+1) della vecchia regola ai potenziali pochi secondi della nuova!

Sicuramente qualcosa contro i tanker va fatto, ma forse in questo caso le WSOP hanno combinato un mezzo pasticcio. Vedremo se questa estate si verificheranno casi controversi… Voi intanto che ne pensate?

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari