Sunday, Aug. 18, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 2 Set 2017

|

 

Phil Ivey si racconta: “Mio nonno mi insegnò a giocare. Il primo braccialetto è stato il più bello”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Phil Ivey si racconta: “Mio nonno mi insegnò a giocare. Il primo braccialetto è stato il più bello”

Area

Vuoi approfondire?

Quando parla uno come Phil Ivey, gli appassionati di poker non possono far altro che fermarsi ad ascoltare rapiti.

La scorsa settimana è successo nel momento in cui la scuola di Paul Phua ha pubblicato online proprio un’intervista al 40enne Ivey, che si racconta a 360 gradi.

Non è la prima volta che un grande campione si concede agli ‘studenti’ di Phua. In passato già Tom Dwan e Timofey Kuznetsov erano apparsi in video per dare il loro contributo.

Ivey parte da lontano per spiegare il suo percorso personale. Sentite cosa svela: “Iniziai a giocare a poker all’età di 8 anni.

Le prime mani le giocai con mio nonno. Lui mi insegnò come giocare. Il primo gioco che provai fu il 5-card stud. Lui mi insegnò le regole. Giocavamo con i pennies.

Mia madre arrivò e chiese cosa stessimo facendo, se stessimo gamblando. Mio nonno però rispose che mi stava solo insegnando il gioco“.

Ivey spiega poi come è migliorato negli anni: “Ho semplicemente fatto molta pratica giocando ogni giorno. Da quando avevo 20 anni ho giocato circa 14-15 ore al giorno per dieci anni. Quindi ho fatto molta esperienza.

Devi avere una buona etica del lavoro. Devi dedicare molte ore a quello che fai. Devi fare attenzione a quello che succede attorno a te. Bisogna pensare a diverse strategie, a diversi modi per vincere.

Quando perdi devi pensare al perché è successo, individuando le situazioni critiche in cui dovrai fare più attenzione in futuro.

Quando sei seduto a un tavolo e ti rendi conto che ci sono avversari più bravi di te, devi fare attenzione a quello che fanno e a come giocano certe mani, per cercare di batterli.

Non trovo che il poker sia stressante. Quando il denaro è in mezzo al tavolo non possiamo fare niente per riaverlo. Devi semplicemente giocare al meglio delle tue possibilità“.

Ivey quando non è seduto al tavolo si diletta in altre attività di tipo sportivo: “Mi piace fare esercizio e mantenermi in forma. Voglio presentarmi nelle condizioni mentali migliori per giocare, soprattutto perché a volte faccio sessioni molto lunghe di poker. Mi piace il golf perché è molto rilassante, si pratica all’aria aperta e ti dà la possibilità di fare grosse scommesse“.

Si parla anche di amicizia: “Quando ti giochi grosse somme non pensi all’amicizia. Cerchi solo di spillare più soldi possibili all’altro, indipendentemente da chi sia.

A volte puoi conoscere l’avversario un po’ meglio e capirlo di più, sapendo magari quando non bluffa. Però questo a volte può confonderti, perché l’avversario che pensi di conoscere può sorprenderti con una giocata inaspettata. Insomma, devi stare attento ma conoscere l’avversario in genere aiuta“.

Volete sapere qual è la location preferita di Ivey per il poker? Eccovi accontentati: “Il mio posto preferito per giocare è Melbourne in Australia. Mi piace sempre tornarci e ho ottenuto ottimi risultati là“.

Ivey si dedica anche alla beneficenza con la madre Pamela Simmons: “Sono impegnato con mia madre nella Budding Ivey Foundation. Io giro i soldi a mia madre che li fa avere ai bambini. Dare qualcosa indietro alla società è bello. Mi fa sentire bene“.

Chiudiamo con il ricordo pokeristico più bello di Ivey: “Il migliore momento pokeristico della mia vita è stata la vittoria del mio primo braccialetto WSOP contro Amarillo Slim. Avevo 23 anni. Era tanto tempo fa visto che ormai ho compiuto 40 anni“.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari