Friday, Feb. 21, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 22 Lug 2017

|

 

WSOP Main Event – Domina ancora Blumstein a tre left! L’inglese Hesp chiude quarto

WSOP Main Event – Domina ancora Blumstein a tre left! L’inglese Hesp chiude quarto

Area

Vuoi approfondire?

Sono rimasti in tre al Rio di Las Vegas a giocarsi il titolo di campione del mondo nel Main Event WSOP!

Stanotte si è consumato infatti un Day 9 cruciale e dolorosissimo soprattutto per i quattro finalisti che sono stati bustati.

Il field al tavolo si è ridotto da 7 a 3 left e ora i premi sono saliti vertiginosamente. Blumstein, Ott e il francese Pollak hanno in tasca 3.500.000$ assicurati per ciascuno, ma vogliono ovviamente gli 8.150.000$ del primo premio e il braccialetto più ambito al mondo!

Hanno dovuto dire addio ai sogni di gloria Salas, Piccioli, Saout e l’inglese Hesp, per il quale tantissimi facevano il tifo.

Riviviamo la seconda giornata di final table attraverso le mani più importanti che si sono giocate. Cominciamo dalla sfortunata eliminazione di Salas.

 

River maledetto per Salas

La prima mano importante è avvenuta nel livello 40 a bui 800/1.600k, quando l’argentino Damian Salas è uscito in settima posizione.

Ecco l’action della mano. Dan Ott apre preflop a 3,4 milioni da early, Salas chiama da big blind. Il flop è A32. Salas checka, Ott pusha e Salas chiama.

Allo showdown Salas mostra A10 ed esulta al 76% convinto di vincere il colpo contro 44. Il turn è un 6 che regala solo un brivido. Il river però è un tremendo 5 che chiude scala per Ott!

Salas ci resta malissimo. Non sarà lui il primo campione del mondo di poker preveniente dal Sud America. Troverà modo di consolarsi con 1.425.000$. Ecco il video della sua eliminazione:

 

Blumstein sempre più leader

Riportiamo la mano #101 vinta da Scott Blumstein contro Benjamin Pollak. Preflop apre John Hesp a 3,5 milioni. Blumstein e Pollak chiamano rispettivamente da BTN e BB.

Il flop è Q99. Pollak checka, Hesp cbetta 5 milioni e Blumstein rilancia a 12. Pollak chiama, Hesp folda.

Turn 10. Check to check.

River K. Pollak checka, Blumstein punta 8 milioni. Pollak ci pensa un paio di minuti prima di foldare. Grazie alle telecamere si scopre poi che Pollak aveva J-9 (scala chiusa al river) contro 9-10 di Blumstein (full chiuso al turn).

Antoine Saout esce quinto

Il francese Saout saluta tutti per colpa di una mano persa contro Blumstein. Apre preflop Blumstein a 4,2 milioni da bottone e Saout chiama da small blind.

Il flop è J76. Check to check. Turn 4. Saout checka, Blumstein punta 5,6 milioni e Saout chiama. River J. Saout checka e Blumstein pusha. Saout mette i suoi ultimi 26,1 milioni.

Allo showdown Saout mostra KJ per il trips contro 53 per la scala di Blumstein! Saout torna a casa con 2.000.000$ di premio.

 

Medaglia di legno per John Hesp

L’amatore inglese John Hesp si arrende al quarto posto dopo un torneo incredibile. Durante il livello 41, con i bui saliti a 1/2 milioni, Hesp pusha 11.950.000 da CO trovando il repush di Pollak da SB.

Allo showdown Hesp si presenta con 97 contro AJ di Pollak. Il board K106 4 4 regala qualche speranza di scala che però non si concretizza.

Il 64enne Hesp torna in Inghilterra con 2.600.000$ in più e un’esperienza pazzesca da raccontare a figli e nipoti. Ecco il video della sua eliminazione:

 

Chi fermerà Scott Blumstein?

Il gioco riprenderà con gli ultimi tre finalisti alle 17:30 locali (le 2:30 italiane). I bui saranno ancora 1/2 milioni con ante 300k.

In testa al count, tanto per cambiare, c’è il 25enne Scott Blumstein con oltre 226 milioni di gettoni, ovvero oltre il 60% delle chips in gioco.

Dan Ott si candida al ruolo di vera rivelazione del torneo (soprattutto ora che è uscito Hesp) mentre il francese Pollak tiene duro con 23 bui circa.

 

 

Vi lasciamo con le parole dell’incontenibile Blumstein: “Le carte stanno girando. Non posso credere che stia succedendo ma ci speravo. La giornata è iniziata male; ho perso un flip, giocato male una mano e buttato un po’ di chips. La struttura è così bella però che sono riuscito a recuperare“.

Sui suoi avversari Blumstein dice: “Ben è un gran giocatore. Per giocare gli EPT devi esserlo. Anche Dan sta giocando alla grande. Abbiamo storie simili, siamo entrambi dei grinder online abituati a giocare piccoli tornei. È favoloso per tutti e due essere qui“.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari