Thursday, Oct. 29, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 14 Dic 2017

|

 

De Toffoli porta il poker a scuola: “Non è un gioco d’azzardo e vi dimostro il perché”

De Toffoli porta il poker a scuola: “Non è un gioco d’azzardo e vi dimostro il perché”

Area

Vuoi approfondire?

Una lezione di poker a scuola? Si può fare!

Ci ha pensato Dario De Toffoli stamattina a istruire alcuni studenti friulani sulla differenza tra il Texas Hold’em e i giochi d’azzardo.

Il veneziano De Toffoli, autore di importanti libri sul poker e regular delle ISOP di Nova Gorica, è costantemente impegnato nella divulgazione del gioco intelligente e riesce sempre a trovare spazio per il suo amato poker.

Non si è tirato indietro nemmeno durante la conferenza intitolata ‘Il lato oscuro del gioco: come non cadere nelle trappole dell’azzardo‘.

L’incontro si è tenuto in data 14 dicembre all’istituto tecnico Malignani di Udine, città dove De Toffoli ha dato vita da qualche mese all’Archivio Italiano dei Giochi, progetto ambizioso e unico nel suo genere a livello nazionale.

Davanti agli studenti delle superiori, De Toffoli ha inzialmente raccontato l’origine dei più popolari giochi d’azzardo, come i dadi, la lotteria e le slot.

Tra le altre cose ha spiegato: “Un tempo forse c’era più consapevolezza sulla componente aleatoria dei vari giochi. Si sapeva distinguere tra giochi di pura abilità (come gli scacchi), giochi di pura fortuna (come i dadi) e giochi ibridi“.

De Toffoli giustamente si è poi concentrato sull’aspetto matematico di questi giochi e ha chiarito il concetto di rendimento facendo degli esempi:

La classica roulette da casinò è un gioco quasi ‘onesto’ nell’offerta generale. Trattiene mediamente il 3% delle giocate e restituisce il 97% al cliente. Dopo un tot di giocate però si perde tutto come negli altri giochi, solo che ciò avviene un po’ più lentamente.

Il black jack è un caso molto particolare, perché trattiene solo lo 0,5% e può diventare addirittura un gioco vantaggioso se si contano le carte come nel film 21. La pratica però non è ben vista dai casinò“.

De Toffoli ha anche proposto agli studenti il famoso problema di Monty Hall, ripreso dal programma americano Let’s Make a Deal.

Si è parlato poi della piaga delle slot: “Non so neanche se si possano definire dei veri e propri giochi. A me annoiano terribilmente. Una volta almeno si tirava la leva, oggi si preme solo un bottone e non si fa niente altro.

Le slot restituiscono il 70% dei soldi ai loro giocatori. Un dato che le rende clamorosamente svantaggiose, se paragonate per esempio ai classici giochi da casinò.

Eppure tanti spendono i loro stipendi e le loro pensioni nelle macchinette dei bar, rapiti da quei suoni e da quelle luci. Si isolano dal resto del mondo, si lasciano trasportare dal ‘flow’ studiato a dovere da team di psicologi“.

Alla fine si è parlato finalmente di poker, che l’esperto De Toffoli difende a spada tratta: “Spesso è inserito erroneamente tra i giochi d’azzardo perché anche nel poker si scommettono i soldi. Nel poker però c’è una componente matematica (insieme a quella psicologica) che lo rende uno skill game“.

Agli studenti De Toffoli ha spiegato i punti e le regole di base del Texas Hold’em, per poi passare a qualche quiz molto stimolante.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

 

 

De Toffoli ha sottoposto al pubblico udinese dei test che forse avrebbero messo in difficoltà anche grinder esperti. Qua sotto potete leggere un esempio.

Il board è 3AA A. Alex ha in mano 54, Bea ha 106 e Carlo è avanti con K8. Voi quale mano vorreste avere, considerando che deve ancora scendere il river?

De Toffoli ha spiegato che bisogna contare quante carte sono favorevoli a ciascun giocatore tra le 42 rimaste nel mazzo. Gli studenti si sono rivelati in gamba, azzeccando spesso il numero degli ‘out’.

Nell’esempio citato ovviamente Bea è la sfavorita, mentre Carlo è nella situazione migliore. Alex può chiudere colore o scala oppure può semplicemente hittare un 4 o un 5, ma non ha abbastanza carte utili per essere considerato il favorito dalle percentuali.

 

 

Per la precisione Bea ha solo 6 carte (tutti i 10 e i 6) che le darebbero il pot con full house, Alex ne ha 14 e Carlo 19. Il totale però fa 39…

Questo perché c’è anche la possibilità dello split! Se cascasse un 3 al river infatti tutti si dividerebbero il piatto con il full di assi e tre.

Con questo tipo di esempi De Toffoli ha voluto far capire che il poker richiede capacità di calcolo e ragionamento e gli studenti hanno decisamente colto il messaggio, apprezzando soprattutto questo ultimo spezzone di conferenza.

Non è la prima volta che il poker si ritaglia uno spazio nella scuola italiana, ma di certo non è una cosa che capita tutti i giorni!

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari