Sunday, Sep. 27, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 8 Set 2018

|

 

Matt Affleck rivive il suo storico scoppio subìto alle WSOP: “Ero scioccato, pensavo di vincere”

Matt Affleck rivive il suo storico scoppio subìto alle WSOP: “Ero scioccato, pensavo di vincere”

Area

Vuoi approfondire?

Mettetevi comodi, perché stiamo per tornare indietro nel tempo con l’intento di rivivere una delle mani più dolorose e brutali della storia del poker.

Anzi, a farlo è proprio l’americano Matt Affleck, colui che subì quel tremendo scoppio alle WSOP del 2010 contro Jonathan Duhamel. Per rinfrescarvi la memoria, vi ricordiamo che era l’anno del 4° posto del nostro Filippo Candio.

Affleck si presenta così alle telecamere di Poker Central: “”Mi chiamo Matt Affleck e sono un poker pro“. Poi entra nel vivo del racconto di quello spot maledetto, per la rubrica ‘Hand Histories‘.

Eravamo rimasti in 15 al Main Event del 2010. Io mi ero appena laureato in finanza all’università di Washingston. Al primo anno i miei compagni ricevevano 20.000$ di bonus dalla Goldman Sachs o altre grandi aziende. Nel 2010 eravamo in piena recessione, c’erano migliaia di persone che richiedevano lo stesso posto di lavoro. In quell’anno ho iniziato a giocare a poker da professionista. C’era tanta attenzione da parte dei media verso il Main delle WSOP e c’erano tante telecamere“.

Affleck svela un retroscena importante: “La sera prima avevo fatto un’intervista e avevo dimenticato i miei occhiali e così mi sono dovuto presentare senza occhiali al Day 7 del Main Event. Dovevo strizzare gli occhi per vedere le carte e sono finito tra l’altro nella posizione più lontana dal flop. Riuscivo con difficoltà a distinguere fiori e picche, oppure un otto da un sei. Tutto ciò nel giorno più importante della mia carriera pokeristica“.

Ed eccoci al tavolo. Duhamel rilancia preflop a 575.000 con JJ. Affleck commenta: “Sono in un’ottima posizione e sto per diventare uno dei November Nine. Sono secondo in chips, seduto alla sinistra dell’unica persona che ha più di me.

Quando ho spillato AA stentavo a crederci. Stavo ricevendo un sacco di belle mani nel più importante momento della mia carriera. E gli assi da bottone sono molto più profittevoli degli assi giocati da early position“.

Affleck rilancia a 1.550.000 chips. “Spero che qualcuno faccia un grosso errore“. Duhamel 4betta a 3.925.000 chips. “Il primo premio vale otto milioni di dollari. Una somma che ti sistema per la vita“. Affleck fa solo call.

Ci sono diverse ragioni per cui ho fatto solo call. Lui probabilmente sparerà altri 4 milioni al flop, indipendentemente dalle carte. Io non temo nessuna mano“.

Il flop però pare abbastanza insidioso: 1097. “Non ci sono flush draw. Qualche mano potrebbe aver chiuso scala ma non sono troppo preoccupato di una mano che mi batte al momento. Jonathan a sorpresa checka. Il pot è di 10 milioni e io posso puntare 5 milioni, pronto a chiamare un all in. Se lui chiama, il pot diventa di 20 milioni e io posso pushare 10 milioni quasi su tutti i turn. Jonathan in effetti chiama, sorprendentemente“.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Turn Q. “Credo di avere la mano migliore e quando dichiaro l’all in spero di non ricevere un call istantaneo. Se non mi snappa so di avere la mano migliore. Lui sta zitto per circa 5 o 6 minuti, credo. Quindi sono molto felice. Sono sorpreso quando chiama dopo tutto quel tempo. Pensavo foldasse.

I migliori giocatori non pensano al denaro. Pensano alle proprie chips come a dei soldati da schierare strategicamente in battaglia per avere le maggiori probabilità di vittoria. Il poker è solo un gioco di decisioni. In questo caso le decisioni valevano 3,3 milioni di dollari di fatto. Nel cash game il piatto più grosso che avevo giocato era probabilmente di 10mila dollari.

Pensavo avesse K-K ma lui scuote la testa. Iogiro gli assi e non penso di uscire. Sono convinto di prendermi una rivincita, visto che già l’anno prima ero arrivato deep al Main. Sto pensando che avrei vinto il torneo stavolta“.

Affleck sta per ritrovarsi con 41 milioni oppure con zero chips. River… 8! “Ero shockato. Non avevo gli occhiali e ho dovuto strizzare gli occhi per guardare quel river. Era davvero un 8 di quadri. Mi sono reso conto di essere out. Non mi aspettavo di scontrarmi con il chip leader“.

Duhamel vola a 50 milioni e si prepara a diventare il nuovo campione del mondo. Affleck comincia a piangere, ha bisogno di sfogarsi.

Non sapevo che ci fossero telecamere. Il mio lancio della bottiglia  in corridoio è finito su ESPN. Quando ci sono così tanti i soldi in ballo le emozioni sono forti. Avevo appena sprecato l’occasione della vita, nel piatto più importante della mia vita“.

Poco dopo torna al tavolo per stringere la mano agli altri: “Molti di loro erano miei avversari dell’online. Io ho incassato 500mila dollari. Se avessi vinto 8 milioni all’inizio della mia carriera, poi non avrei avuto molti altri obiettivi. Non avrei studiato il gioco come ho fatto in seguito. Dopo anni gioco ancora a poker per lavoro. Quindi posso dire che quello scoppio non è stata in realtà la cosa peggiore che potesse succedermi“.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari