Sunday, Aug. 18, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 5 Ott 2018

|

 

Cinque errori che gli amatori commettono subito dopo aver prelevato dalla poker room

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Cinque errori che gli amatori commettono subito dopo aver prelevato dalla poker room

Area

Vuoi approfondire?

As follows…

Se siete capitati da queste parti avrete molto probabilmente letto l’articolo precedente, sulla cosiddetta ‘ansia da prelievo: perché si badrunna subito dopo aver fatto cash-out?

Bene, dopo aver chiarito che di badrun non si tratta quanto piuttosto di una percezione distorta degli eventi, andiamo a scoprire quali sono i 5 peccati capitali che gli amatori commettono ogni volta che si trovano a cliccare ‘preleva’ dopo una bella vincita.

 

1 – OVERCONFIDENCE

Il primo, grossolano, errore commesso da chi non gioca a poker professionalmente (ma in questa categoria includiamo anche tanti regular) si rifà alla voce ‘overconfidence‘. Giocare in maniera troppo spavalda rischiando eccessivamente in situazioni in cui avremmo fatto scelte differenti, semplicemente perché “Tanto è solo un torneo da 5euro“, non è mai la scelta migliore.

L’overconfidence si può manifestare in diversi momenti del torneo, è probabile che si cominci a giocare bene e si arrivi a ‘sbracciare’ non appena i soldi cominciano a farsi importanti, anzi è più probabile che si verifichi quando si è sotto pressione…

Perciò attenzione ai sintomi: se avete appena lanciato due tornei il problema non è né la badrun né il cashout fatto qualche ora prima. Il problema sta sotto il vostro dito indice.

2 – ALZARE L’ABI

Un altro marchio di fabbrica degli ‘whiner seriali dopo un cashout‘ è la shottata oltre le proprie potenzialità la sera successiva, che comincia puntualmente con un’idea ben fissa in testa: “Stavolta gioco tutto il palinsesto senza passare dai satelliti perché sono in roll.”

Ecco, se avete vinto 3.000€ la sera precedente dopo averne lasciati, diciamo, 1.500 nel mese e mezzo precedente, e il vostro cashout è superiore all’80% della somma vinta (non solo, è praticamente già speso tra bollette, affitti e regalo alla fidanzata) NON state giocando in roll.

Probabilmente non stareste giocando in roll nemmeno se ne aveste vinto 30.000. Poi certo, quelle gire al Need For Speed da 100€ sono state davvero un incubo, ma chi l’avrebbe mai detto che la varianza fosse potesse essere così beffarda in un MTT hyper turbo?

3 – GIOCARE SENZA MEZZE MISURE

Non confondiamo questo passaggio con l’overconfidence, sebbene vi siano diversi punti in comune. Il fatto che perdere ogni singolo torneo in quella specifica sessione possa non spostarvi praticamente nulla, non signfica che dobbiate sospendere totalmente il vostro giudizio nelle situazioni più complesse.

Assunzioni come ‘Ce l’ha sempre’ o ‘non ce l’ha mai‘ sono i vostri nemici peggiori: il fatto che nel torneo vinto il giorno prima abbiate sceriffato gli avversari in circostanze dove chiamare fosse estremamente EV – non significa che sarà sempre così.

4 – NON CONSIDERARE IL FATTORE ICM

Per la serie ‘I cavalli si vedono al ritorno‘ ecco una delle situazioni in cui si tende a commettere più errori, specialmente dopo aver rimpinguato per bene le casse. La zona bolla in un torneo è una fase cruciale, saperla sfruttare a dovere può metterci in una posizione ottimale per centrare il final table, ma attenzione…

L’ICM va studiato e vale a prescindere da quanto abbiamo in cassa, quindi inutile dilapidare uno stack da 100x andando a ‘spitare‘ (dall’inglese spite, letteralmente fare un dispetto, ovvero il classico call “a sculare” per intenderci) ogni short stack o, al contrario, sentirci short a nostra volta con 30x dietro e avg 25x.

5 – GIOCARE QUALSIASI ALTRA DISCIPLINA

Siete dei regular (o semi-tali) del cash-game o dei tornei e dopo aver centrato una settiana particolarmente profittevole decidete di fare cash-out e provare a rimpinguare la cassa buttandovi sugli Spin & Go, ma a causa di una serie interminabile di 70/30 e 80/20 a sfavore il saldo segna nuovamente ZERO?

Ancora una volta, il problema non è il server malefico…Se, ad esempio, ve la cavate benino nei tornei e avete un ROI compreso tra il 10 e il 15 percento, perché mai andare a shottare 5 poste al NL100 con 500€ in cassa e 2.500€ in attesa di esser trasferiti sul vostro conto bancario?

 

Vi è venuto in mente qualcos’altro mentre leggevate questo articolo? Scrivetecelo sulla nostra Fanpage e se proprio avete voglia di incassare la vostra vincita scoprite quando e come farlo nel modo migliore

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari