Thursday, Jul. 7, 2022

Poker Live

Scritto da:

|

il 18 Ott 2018

|

 

Qual è stato il bilancio di Tom Dwan al Triton High Roller Cash Game?

Qual è stato il bilancio di Tom Dwan al Triton High Roller Cash Game?

Area

Vuoi approfondire?

Come cambiano i tempi…

Un lustro fa, Paul Phua, aka ‘MalACEsia’ su Full Tilt Poker, sembrava essere il tonno di turno. Nelle sue prime apparizioni ai tavoli online, Phua (allora ancora anonimo) era davvero una delle prede più ambite dagli squali dei tempi.

Nel solo 2013 il suo conto segnava -3.700.000$. Soldi che si spartivano felicemente i vari Alex Kostritsyn, Ben Tollerene, Alex Millar, Doug Polk e ovviamente Tom Dwan.

Bene. Per uno strano percorso di contrappasso, Phua  è riuscito a riorganizzare il suo gioco e, grazie anche a un bankroll presumibilmente infinito, ha iniziato a rifarsi con sempre più costanza.

Sì, perché i tavoli cash di allora non esistono praticamente più e le partite milionarie si giocano quasi esclusivamente in Oriente. Ai tavoli veri.

Nelle prime due edizioni del Triton High Roller Cash Game Phua è dunque il Top winner: il suo net profit ha raggiunto quota 1.384.000$ frutto dei 2.044.000$ vinti nella season 1 e ai ‘soli’ 660.000$ persi nella seconda stagione.

E guarda un po’ il Karma? Il peggiore, stando alle sessioni andate in onda, è proprio Tom Dwan, che sembra continuare a vivere un’involuzione davvero inquietante.

Il caro e vecchio Tom ha infatti perso 1.805.000$ ai tavoli del casinò di Jeju, complici anche diverse letture sbagliate.

Proprio contro Phua uno dei più grossi blunder: call preflop con A-Q per pot da oltre 2.000.000$ e Paul che vince comodamente con gli assi

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Tra i player ‘trackati’ anche Jason Koon, che dopo Up&Down impensabili chiude le due stagioni high stakes ad un accettabile -330.000$.

Questa improvvisa vendetta orientale è certamente concausata dall’introduzione dello short deck che permette a Phua&Co. di gamblare senza limiti, mettendo spesso e volentieri alle corde i più tecnici professionisti dell’Holdem.

Qualora non aveste colto cosa intendiamo per gambling… 😀

httpv://youtu.be/-4Tnp_-Y20I

Nonostante i pirotecnici spot di Short Deck, uno dei pot più importanti vinti da Phua, è stato giocato proprio a Hold’em.

httpv://youtu.be/6Zc8zNOG80s

Chiaramente, tutti i dati che abbiamo portato alla vostra attenzione vanno presi ‘con le molle’ visto che non siamo (e non potremo mai essere) a conoscenza dell’action dietro le quinte!

Detto ciò, sembra davvero si sia capovolto il mondo…

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari