Thursday, May. 23, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 29 Gen 2019

|

 

Lo stato del poker nel 2019 secondo Negreanu: “Se non si pensa al long term, c’è da preoccuparsi”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Lo stato del poker nel 2019 secondo Negreanu: “Se non si pensa al long term, c’è da preoccuparsi”

Area

Vuoi approfondire?

Cinque righe su Twitter.

È bastato così poco per scatenare online un flame mai visto attorno alle idee e alla figura di Daniel Negreanu, il player che fino a qualche mese fa poteva vantare la prima posizione nella All Time Money List del poker live.

I commenti si sono sprecati sui social e illustri professionisti si sono schierati nella diatriba. Cosa ha dunque scatenato tutto questo?

Riportiamo le testuali parole pubblicate (e poi cancellate) da Negreanu: “Il peggior tipo di giocatore di poker ha le seguenti caratteristiche. È un vincente; è lento; è silenzioso; è un nittone egoista; è un hater“.

Apriti cielo. Alla comunità pokeristica questi cinque punti non sono piaciuti per niente e non hanno mancato di farlo sapere. Lo stesso Negreanu ha allora provato a correggere il tiro, cancellando il suo tweet e sostituendolo con uno più positivo:

 

 

Negreanu spiega di aver detto nuovamente le stesse cose, ma in maniera meno aggressiva. Non è bastato per calmare gli haters. Joey Ingram e Charlie Carrel figurano tra i pochi che hanno provato a difendere Negreanu. Il britannico Carrel parla addirittura di bullismo nei confronti di Kid Poker. Naturalmente tra i detrattori non si è fatto attendere Doug Polk, storico antagonista di Negreanu.

 

 

Qualche giorno dopo Negreanu ha perciò deciso di scrivere un lunghissimo post su fullcontactpoker, chiarendo il suo pensiero e arricchendolo con un sacco di esempi. Ecco come inizia la sua arringa:

Recentemente ho postato un tweet che era troppo duro nel tono e le risposte erano prevedibili. Io mi riferivo a tratti negativi di alcuni giocatori di poker che non sono una buona aggiunta al gioco. Nick Jones ha sottolineato che il mio tweet stava effettivamente contribuendo a uno di quei tratti, ovvero l’essere un hater o un lamentoso. Mi sono reso conto che aveva ragione, quindi ho scelto di eliminare il tweet e di esprimerlo in un tono più positivo, concentrandomi invece su quali attributi rendessero un giocatore attraente per un gioco. I due elenchi dicono più o meno la stessa cosa, ma il primo tweet era troppo ostile nei confronti di certi tipi di giocatori, quindi l’ho cancellato.

Molte persone hanno frainteso il mio significato in quel tweet iniziale. Faccio del mio meglio per mettere in pratica ciò che predico. Parte di ciò comporta ammettere quando ci si sbaglia e scusarsi. L’ho fatto e dopo un’ulteriore riflessione mi sono reso conto che c’erano cose su quel primo tweet che non comunicavo bene. Due punti in particolare: essere un vincitore e stare tranquillo. Gli altri tre sono abbastanza chiari, anche se la gente ha una visione più ristretta del termine “nit” di quanto avessi sempre imparato“.

Cosa voleva dire Negreanu su Twitter?

Chiariamo qualche concetto grazie alle parole di Negreanu: “Un nit non è semplicemente qualcuno che gioca tight. Un nit, per esempio, è un giocatore che fa angle shooting o che in un tavolo da 9 è l’unico che non vuole giocare con lo straddle. E ancora… Un nit non accetta una gamblata a EV neutro se il live lo richiede, neanche per piccole somme. Per esempio, giocando a cash $5-10 live, se si chiede di fare uno showdown al buio per 25$, il nit dice no. Il nit poi cambia costantemente seat per giocare una mano gratis. Anni fa al Bellagio hanno dovuto cambiare una regola perché in tavoli da cinque un giocatore poteva cambiare posto dall’UTG al cut off per ottenere mani gratis. Quello è un nit.

In nessun caso un nit è un un ospite desiderato in una partita di poker. Non negli oltre 20 anni in cui ho giocato.  Sono fermamente convinto che i nit siano decisamente pessimi per il poker.

Per quanto riguarda l’essere quieto, è stato un errore per me esprimerlo nel modo in cui l’ho fatto. Avrei dovuto sostituire quieto con maleducato. Sono totalmente d’accordo con chi ha replicato dicendo che un avversario tranquillo è meglio di uno che non tace mai. Mi stavo riferendo più che altro a una chiacchierata quando qualcuno ti fa una domanda. Per esempio, se un turista si siede nella tua partita $5-10 e ti chiede da dove vieni, sii umano e parla con lui!

Non mi aspetto che i giocatori cambino quello che sono e che offrano uno spettacolo non autentico. Non è quello che volevo dire. Mi scuso con i giocatori quieti che si sono sentiti personalmente offesi. Se sei timido per natura, va bene. Se riesci a sorridere e ridere a una battuta di tanto in tanto, fantastico. Se qualcuno ti coinvolge in una conversazione, sii amichevole e cerca di non essere scortese.

Per quanto riguarda il fatto di essere un giocatore vincente come un tratto negativo, molti di voi si sono offesi per questo poiché l’obiettivo del poker è essere un giocatore vincente. Certo che lo è e non c’è niente di sbagliato in questo! Ora, detto questo, se sei un giocatore vincente significa che stai portando soldi fuori dal gioco. Gli altri giocatori farebbero meglio economicamente se tu non fossi lì.

Guardiamo un altro esempio. Ospiti una partita a 6 in casa tua e hai 5 giocatori confermati. Il seat vacante puoi darlo a Larry, il più grande perdente nel gioco, o a Bill che è il più grande vincitore. Cosa sarebbe meglio per quella partita? Invitare Larry o Bill? Ovviamente Larry viene sempre chiamato.

Il punto è: devi renderti conto se sei un giocatore vincente o no. Se lo sei, varrebbe la pena di trovare altri modi per contribuire alla salute del gioco. Una persona mi ha twittato dicendo che è il più grande vincitore del suo home game, ma viene invitato ogni volta perché porta la birra! E lui non beve! Questo è un esempio perfetto di come si rinuncia a un po’ di EV. Non essere un nit e contribuisci in qualche modo al gioco. A lungo termine, compenserai il costo della birra“.

L’importanza del long term nel poker

Arriviamo a un punto cruciale, caro a Negreanu e non solo: “Se i giocatori non pensano al lungo termine, concentrandosi solo sul loro EV immediato, c’è da preoccuparsi per il futuro del poker. Le partite private ​​agli stakes più alti stanno diventando sempre più diffuse. Non penso che sia un bene per il poker, ma non c’è molto che possa essere fatto per fermare questa tendenza.

Ai vecchi tempi arrivavi in un casinò e se c’era un posto libero potevi sederti e giocare. Questo semplicemente non è più vero agli stakes più alti. Le partite private si giocano anche nei casinò e questo esclude il principiante che vuole shottare. Se il giovane è un giocatore vincente, non lo lasceranno mai giocare, a meno che … non offra qualcosa di valore per il gioco. Magari può portare un giocatore più debole al tavolo o risultare abbastanza simpatico.

Cosa succede se sei un giocatore di torneo? Beh, se sei un giocatore di tornei high stakes i field sono ridotti e perdere 3-5 giocatori più deboli, perché non si divertono più, avrà un impatto significativo sul tuo EV a lungo termine.

La maggior parte dei tornei high stakes nel mondo oggi offre uno shot clock, eppure ci sono persone che non giocano più a causa del ritmo di gioco. L’ho visto in prima persona e sentito direttamente dalla loro bocca. Alcuni giocatori, anche negli spot più automatici, impiegano ancora 30 secondi per agire. Un orologio da scacchi con time bank sarebbe una soluzione migliore per il futuro.

Qual è uno spot automatico? Esempio. Un giocatore rilancia e tu chiami dal BB. Il flop è K-K-3 rainbow, tu fai check e call. Il turn è un 2. Se ci metti tra i 10 e i 30 secondi qui per checkare, stai veramente facendo del male al gioco. Non si chiama mai al flop per poi leadare il 2 al turn. Farai sempre check eppure continuo a vedere i giocatori che bruciano sempre 25-30 secondi di tempo in questi spot”.

L’appello finale di Negreanu

Kid Poker chiosa così: “Sono stato personalmente attaccato in un paio di blog per la mia posizione. Non ho mai avuto problemi con le persone che non sono d’accordo con le mie riprese. Anche se penso che sia ingiusto, sono responsabile dell’odio che ottengo e cerco sempre di analizzare i feedback per crescere come persona. A volte le persone cercano sinceramente di discutere civilmente sul poker, altre volte sembra semplicemente una campagna diffamatoria con secondi fini. Ad ogni modo, sono al 100% responsabile di tutto ciò che dico o faccio. Anche se le persone scelgono di escludere le mie parole dal contesto o di riformulare le mie opinioni per adattarle a una narrazione. Non possiamo controllare come le persone scelgono di presentarci. A volte gli altri possono distorcere le nostre paroleSe le persone non capiscono quello che sto dicendo, sta a me comunicare meglio i miei pensieri in futuro. Sono un essere umano imperfetto come tutti, ma cerco sempre di digerire il feedback positivo e negativo per cercare aree in cui possa essere migliore.

È vero, non sono più il grinder dei primi 15 anni della mia carriera. Ho avuto nel poker un successo che pochi hanno raggiunto, quindi è giusto per alcuni criticare me, fuori dal mondo del gioco. Tuttavia, sono costantemente in contatto con professionisti e i reg a tutti i livelli. Penso a questi problemi spesso perché il poker è stata la mia passione per metà della mia vitaNon presumo di sapere quale sarebbe il mio win rate nella partita $2-5 dell’Aria ma conosco alcuni grinder che giocano regolarmente in queste partite.

Non dovete accettare o farvi piacere le mie opinioni. Potete essere in disaccordo con le mie posizioni relative a questioni del gioco. Ma spero in discussioni civili. Non attaccate il mio personaggio e chi sono come persona. Penso che sarebbe più utile discutere sul perché pensate che io stia sbagliando. Mi piacerebbe vedere un ritorno alla frase ‘odio le tue idee’ piuttosto che al ‘ti odio’. Ci farebbe del bene“.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari