Tuesday, Oct. 27, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 24 Lug 2019

|

 

Sammartino che balzo nel Ranking 2019, ma gli altri azzurri arrancano

Sammartino che balzo nel Ranking 2019, ma gli altri azzurri arrancano

Area

Vuoi approfondire?

Le WSOP 2019 si sono chiuse e allora è tempo di bilanci. Soprattutto per quello che concerne le classifiche dei vari Ranking. I 90 tornei di Las Vegas hanno ridisegnato il POY 2019 a livello internazionale e quello a livello nazionale. La cosa che più salta agli occhi è il balzo di Dario Sammartino: il secondo posto nel main event 2019 fa decollare l’azzurro nelle varie graduatorie.

E non parliamo semplicemente di dollari, ma anche di punti guadagnati. Meglio di lui, solo Hossein Ensan fresco campione del mondo. Quei 10 milioni di dollari incassati fanno tutta la differenza di questo mondo, ma anche Dario Sammartino con 6 milioni non scherza. Diciamo che le buone notizie finiscono qui per i giocatori italiani. Le classifiche piangono in questo senso e il gap si fa pesante.

Torniamo però a Dario Sammartino. Il player partenopeo in un colpo solo a ridosso della vetta nel POY 2019 del poker live. Se prima delle WSOP Bryn Kenney guardava tutti dall’alto in basso, al termine della manifestazione ci troviamo Ensan (10.000.000$) in pole position. L’americano slitta in seconda piazza con 9,259,438 bigliettoni e inizia a sentire la pressione di Dario Sammartino.

L’azzurro recupera qualcosa come oltre 200 posizioni e la seconda piazza nel main event pesa nettamente. Va da se che il risultato ottenuto nel campionato del mondo lo catapulta come miglior italiano nel 2019. E difficilmente sarà spodestato da qualche connazionale.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Nella Global Poker Index Ranking invece il comando è affidato a Stephen Chidwick. Il britannico prosegue nel suo 2019 perfetto e alle WSOP ha pure conquistato il primo bracciale in carriera. Con 3.869 punti detta il passo in una classifica che strizza l’occhio agli eventi esclusivi e agli high roller. Sulle tracce dell’inglese ci sono fra gli altri William Alex Foxen (3.847), Rainer Kempe (3.591), Bryn Kenney (3.407), Manig Loeser (3.352) e David Peters (3.261) solo per citare i nomi più importanti nella top ten.

Per quello che concerne GPI Player of the Year Ranking si parla tedesco sul podio virtuale di questa graduatoria. Il riferimento della classifica sono gli eventi da almeno 1.000 dollari di buyin a cui viene applicato un coefficiente in base al numero di paganti e al risultato finale ottenuto. Ovviamente anche in questo caso gli high roller pesano e così Rainer Kempe domina la scena con 3.401 punti davanti al solito Bryn Kenney (3.254) e il connazionale Manig Loeser (3.062).

Infine diamo uno sguardo alla classifica all time degli azzurri. Dario Sammartino compie anche qui il sorpasso e lo fa ai danni dell’amico Mustapha Kanit. Adesso è il campano a guardare tutti dall’alto in basso. I due però fanno storia a se e c’è un abisso con il terzo classificato: Max Pescatori ha dalla sua  $4,584,825 vinti, contro i $14,044,480 di Dario e gli $11,486,708 di Musta.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari