Monday, Aug. 19, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 14 Ago 2019

|

 

Incredibile cooler al Triton Super High Roller: allin a 4 e Ivey paga dazio

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Incredibile cooler al Triton Super High Roller: allin a 4 e Ivey paga dazio

Area

Vuoi approfondire?

Chissà cosa sarebbe stato scritto o detto, se questa mano fosse successa online. E invece, il cooler dell’anno arriva dal vivo e precisamente dal King’s Casinò di Rozvadov teatro del “€100.000 Triton Super High Roller“. Un allin preflop con quattro giocatori e tutti con mani monster o quasi. Dalla parte sbagliata del cooler c’è anche Phil Ivey: l’americano basito dallo showdown è costretto alla resa.

Chi sorride in tutto questo è la quota rosa Kristen Bicknell: la sua coppia di dame parte nettamente indietro preflop, ma il board sarà dalla sua parte per un monster pot di quelli che si ricordano a lungo. E a lungo ci ricorderemo di questa mano. In fondo non capita tutti i giorni di vedere un allin preflop a quattro e con tali mani di partenza.

Siamo nel day 2 del torneo e si sta giocando il livello 5.000-10.000 big blind ante 10.000. Sono circa una quindicina i players left, quando arriva la super mano. Kahle Burns apre a 25.000 da Late Position e da cutoff Phil Ivey mette le chips al centro del tavolo per 130.000.

Dal bottone non si esime Michael Chi Zhang che 4betta allin per 440 mila unità. Dallo small blind Kristen Bicknell va in allin per 150.000 e quando la parola torna a Burns, anche quest’ultimo si lancia nella mischia. Si va all’incredible showdown con quattro players.

Kahle Burns: A A

Phil Ivey : K K

Michael Chi Zhang: A Q

Kristen Bicknell: Q Q

Il board Q J 7 10 10 consegna il monster pot a Kristen Bicknell, mentre il side pot se lo aggiudica Burns su Zhang. Clamorosa vittoria per la quota rosa che moltiplica per 4 il suo stack. Certo si può ragionare sulla sua decisione di lanciarsi nella mischia in allin per terza e con l’original raiser che ancora deve parlare. Ma va anche detto che la stessa Bicknell aveva 15 big blinds. Un po pochi per passare una mano del genere.

Qualcosa di più possiamo dire su Zhang, il quale da bottone ha deciso misteriosamente di 4bettare allin. Vero che in quel momento era leader nel count del tavolo e avrà sicuramente voluto far pesare la propria chipleading, ma allo stesso tempo la sua è una mano che si può tranquillamente passare preflop.

Beffato il poveo Burns che a sua volta aveva la miglior mano preflop. E qui si torna all’annosa discussione sulla possibilità di passare o meno gli assi preflop. Non si può certo condannare Kahle e quasi tutti al suo posto avremmo chiamato. Ma sappiamo bene che se già in heads up gli assi tengono 8 volte su 10 contro una coppia, in quattro giocatori coinvolti allo showdown le probabilità di vittoria scendono in maniera pesante. Sarebbe stato il fold dell’anno.

Infine niente da fare per Phil Ivey. Ha poco da recriminare, visto che per primo muove allin costretto anche da uno stack non proprio deep. Purtroppo per lui si è trovato dalla parte sbagliata del cooler e nel momento sbagliato. Ed è uscito visibilmente frastornato dalla mano.

Per la cronaca, grazie a questo piatto Kristen Bicknell riuscirà ad approdare a premio, per poi mollare la presa al sesto posto.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari