Wednesday, Nov. 30, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 13 Apr 2021

|

 

L’aspetto più sottovalutato dai giocatori di tornei secondo Patrick Leonard

L’aspetto più sottovalutato dai giocatori di tornei secondo Patrick Leonard

Area

L’ambasciatore di partypoker Patrick Leonard è uno dei nuovi coach di Run It Once, la scuola di Phil Galfond in cui insegna anche l’italiano Francesco Lacriola.

In una intervista celebrativa a PokerNews Leonard ha parlato di poker a 360°, da quale sia l’aspetto tecnico più sottovalutato dai giocatori di tornei alla sua frustrazione per il poker live, passando alle cose che cambierebbe dei tornei online e alla importanza di una attitudine positiva. Vediamo meglio.

 

L’aspetto più sottovalutato dei tornei

Per iniziare, a domanda precisa, Leonard spiega quale sia uno degli aspetti più importanti dei tornei di poker che però molto spesso non viene tenuto nella dovuta considerazione:

“Penso che tanti spot in ICM non vengano compresi, principalmente perché studiare l’ICM è noioso e ripetitivo. Mentre il CHIPEV è tutto su overbet sexy, spettacolari bluffcatch al river e cercare il triplo check-raise, l’ICM riguarda essere disciplinati, fare le cose noiose nel modo corretto ma sapere esattamente quando cambiare marcia. Lo studio dell’ICM è abbastanza noioso e devi fare tante cose ripetitive.”

Come se non bastasse, prosegue il britannico, i vari tool di studio dell’ICM sono un po’ difettosi:

“Gli strumenti che usiamo per l’ICM sono un po’ buggati, quindi tante persone possono pensare “perché mi devo mettere a studiare  la parte più noiosa del gioco che inoltre ha gli strumenti buggati?. Per me è cruciale studiare e provare a migliorare la mia logica ICM perché è dove giochiamo per i premi più alti. Se stai giocando un torneo da 100$, al tavolo finale puoi giocare per 50 mila dollari! Provo a insegnarlo in un modo che sia più coinvolgente o più eccitante. Faccio review di tanti tavoli finali diversi e analizzo ogni mano dalla prospettiva di ogni giocatore, usando teorie, strumenti e metodi che permettono di sfuggire alla struttura rigida dei tools buggati.”.

 

Il poker live e la sua fortuna

Quando l’intervistatore gli chiede del suo rapporto con il poker live, Leonard fa emergere una sorta di frustrazione:

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

“Onestamente, nonostante abbia un buon successo, giocare a poker dal vivo non mi piace troppo, sono più un tipo da online. Ma ciò è abbastanza frustrante perchè penso di essere più forte come giocatore dal vivo e quindi, quando torneremo alla normalità, sto pensando di aggiungere una parte live al mio corso.”

Per Leonard la più grande fortuna della sua carriera sono stati gli amici:

“Ho avuto la fortuna di essere circondato da veri boss. A bitB sono stato il più vicino a European e Elmerixx (rispettivamente Samuel Vousden e Daniel Carter, ndr). Abbiamo parlato di poker ogni giorno per sette anni. Il giocatore più impressionante a dirla tutta era ‘romeopro’ (Roman Romanovsky, ndr). Era entusiasta del gioco e anni luce avanti. Oggi, che sono passati tre anni, mi capita di trovare qualcosa di cool mentre studio e spesso poi penso “oh wow è proprio quello che mi diceva romeo”

 

Dell’importanza del pensiero positivo

In passato Patrick Leonard ha ricevuto dei coaching da Jason Koon per essere una persona più positiva: per il britannico, oggi, questa attitudine è davvero fondamentale!

“Essere positivo è tutto. Essere circondato da persone positive è tutto. Sono stato circondato da gente che si lamenta per un po’ di tempo e ciò mi ha portato a essere molto negativo. Pensavo più alle lamentele degli altri che non a me stesso.”

Anche grazie a questo nuovo approccio, Leonard sta costruendo il suo sogno un mattone alla volta: ha infatti acquistato una squadra di calcio, il Newcastle Independent Football Club.

“Il calcio è la mia seconda passione. Mi piace l’idea di una squadra nella Premier League costruita in internet. Se pensi alle industrie alle spalle delle squadre che tifiamo, sono lavoratori di miniere o di fabbriche. La nostra è la generazione di internet. Il tuo tifo non deve essere ristretto alla fabbrica in cui lavori e alla città in cui hai la residenza: voglio creare una squadra che sia supportata da internet con la fan base che ottiene un ticket per vedere la stagione gratis su YouTube”.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari