Sunday, Dec. 4, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 7 Apr 2022

|

 

Jason Koon, da una vita piena di difficoltà a uno dei migliori poker player al mondo

Jason Koon, da una vita piena di difficoltà a uno dei migliori poker player al mondo

Area

Jason Koon oggi è uno dei migliori giocatori in assoluto, lo conferma anche la top 20 stilata da Doug Polk di recente, in cui Polk ha detto: “È il giocatore con meno talento della lista, ma il numero uno per il duro lavoro. Ha lottato per crearsi la strada che lo ha condotto dove è oggi.” 

Nulla di più vero fu mai scritto. In una (vecchia) intervista in occasione delle Triton Poker Series del 2018, Jason Koon ha raccontato i suoi inizi con il poker e le difficoltà che ha dovuto affrontare nel suo percorso e nella sua vita.

 

Nato in povertà, il college era un privilegio

Jason come molti altri approda al poker partendo da una carriera sportiva che si è interrotta sul più bello. Appassionato di baseball, sognava di giocare a livello professionistico, ha poi scelto la strada della corsa per la quale era più portato e gli avrebbe permesso più probabilmente di pagarsi gli studi (e forse organizzare prop bet incredibili)

“Anche se mi piaceva più il baseball della corsa, sono stato abbastanza logico per concentrarmi sulla cosa in cui sarei stato migliore, almeno per la scuola. È un peccato, ma provenendo da una zona molto povera del West Virginia… sono stato il primo della mia famiglia ad arrivare al college. Sapevo di voler avere una buona educazione, anche solo per essere l’unico a poter dire di averlo fatto. 

È stato in quel periodo che ho iniziato con il poker, dopo un infortunio all’anca un mio amico mi ha fatto scoprire il poker online. Boom. Ho letto tutti i libri, studiato, cominciato a giocare finché la notte non è diventata il giorno. Time warp e mi sono ritrovato poker player.”

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Trasformare le difficoltà in forza

“Fin dall’inizio è stata molto dura. Sono stato senza tetto in un punto della mia vita, sono cresciuto molto povero, mio padre ha abusato fisicamente di me. Ma sono diventato duro e ostinato, mia madre e i miei fratelli hanno infuso confidenza in me. Mi sono sempre sentito come se avessi più di quello che ero in quel momento, e quella confidenza mi ha dato la forza di insistere e superare gli ostacoli in maniera più facile.”

Il rapporto con il padre

“Non ho una relazione con mio padre, ma ho imparato a perdonarlo nel corso del tempo. Non ho più risentimento nel mio cuore. È stato un sentimento che mi ha alimentato – negativamente – per arrivare dove sono ora. Quella rabbia è stata una motivazione incredibile. Agli inizi è stata pericolosa perché non avevo la disciplina per frenare o chiudere la bocca quando dovevo, ero molto arrabbiato. Ma avevo il pensiero fisso che nulla mi avrebbe fermato.”

La nuova famiglia grazie al poker

Diventare un professionista ha anche permesso a Koon di sviluppare nuove importanti amicizie, al punto di trovare la parte di famiglia che gli mancava:

“Tanti fratelli che ho incontrato con il poker sono amici per la vita. È la famiglia ora. Abbiamo trovato valori condivisi e sviluppato forti amicizie. Sono alcuni tra i giocatori migliori del mondo, e mi hanno preso sulle spalle e spinto al livello dove sono adesso. Ho un legame profondo, cementato con questi ragazzi che sono fantastici. Questo gruppo è tutta la famiglia di cui avrò mai bisogno.”

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari