Saturday, Oct. 23, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 11 Ott 2021

|

 

Le mani che hanno fatto vincere a Jason Koon il primo braccialetto WSOP

Le mani che hanno fatto vincere a Jason Koon il primo braccialetto WSOP

Area

Vuoi approfondire?

Nella cerchia dei più forti giocatori del mondo era rimasto uno dei pochi a non aver ancora vinto il braccialetto.

Jason Koon ha rimediato al 25.000$ Championship Heads-Up  con una incredibile cavalcata che oltre al titolo di campione del mondo della specialità gli ha portato una moneta di 243.981$.

Nella finalissima contro l’ungherese Szabo sono risultate decisive due mani, come ha raccontato lo stesso Koon nella intervista di rito post-vittoria. Eccole.

 

Il flip da dentro o fuori

Ai microfoni di PokerNews Koon ha spiegato di essere stato fortunato nell’all-in, inevitabile nel testa a testa data la situazione degli stack.

Il big blind è a 100k, Koon gioca con uno stack di 35bb, due a uno in svantaggio, e apre 230k da bottone con 55. Da big blind Szabo tribetta a 700k con AQ, Koon va allin per 3,5 milioni e l’ungherese snappa.

Il flop JT4 dà più possibilità di vittoria a Szabo, che a questo punto ha ben 17 outs e parte al, come si può vedere nel nostro calcolatore di odds.

Ma turn J e river J permettono alla coppietta di reggere e Koon passa in vantaggio.

 

Il cooler del KO

Dopo aver perso il coinflip Szabo non si dà per vinto. Con un costante lavorio ai fianchi di Koon si riporta in lieve vantaggio quando arriva un’altra mano selvaggia.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Su big blinds 160.000, Szabo apre x2 da bottone con AJ, Koon va all-in diretto per 4,6 milioni con AQ, Szabo snappa ed è showdown.

Il board 7529Q consegna il raddoppio a Koon e lascia Szabo con appena 400 mila chips pari a 2,5 big blinds.

“Sai i testa a testa sono un gioco particolare, non puoi mai essere sicuro della vittoria anche quando l’avversario ha due bb – ha detto Koon nella intervista post-vittoria. In questo caso però Szabo non centra la miracolosa rimonta.

 

Il bracciale in regalo

Ai microfoni di PokerNews il neo-campione racconta che aspettava il bracciale da tanti anni, ma non lo terrà per sè:

“Dal mio primo viaggio a Las Vegas, quando ancora ero al college, ho sempre voluto vincere un braccialetto. A mio fratello dieci anni fa dissi che non appena ne avessi vinto uno glielo avrei regalato, è fantastico che finalmente glielo posso dare”.

Secondo Koon se è entrato nel cuore dei pokeristi è perché nel circuito è diventato amico di tutti:

“Ho grindato davvero a lungo e mi sono fatto tanti amici, non solo pokeristi ma anche tra chi lavora nei media… Sono amico di tutti qui”

In chiusura l’intervistatrice di PokerNews chiede al neo-papà Koon se crede anche lui nella superstizione che quando un pokerista si sposa o diventa padre diventa più fortunato nei tornei:

“Ricordo che successe a Chidwick che vinse il 25k PLO quando nacque il suo bimbo Aaron. Io non sono superstizioso ma i fatti parlano da soli!”

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari