Saturday, Jul. 4, 2020

Poker Online

Scritto da:

|

il 5 Gen 2012

|

 

La vendita di Full Tilt Poker è ancora in corso, ora parlano gli avvocati

La vendita di Full Tilt Poker è ancora in corso, ora parlano gli avvocati

Area

Vuoi approfondire?

Il Groupe Bernard Tapie sta ancora lavorando per comprare la poker room Full Tilt Poker, come ha rivelato in un’intervista l’avvocato Benham Dayanim. Il gruppo si augura di essere pronto a riaprirla nella prima parte dell’anno.

Dayanim è stato coinvolto nel processo di acquisizione fin dal primo giorno e rivela che la transazione sta volgendo al termine, anche se manca ancora un ultimo passo importante nell’accordo per vederlo definitivamente concluso.

Molti sono gli step affrontati ed ancora da affrontare in questo processo, vediamo i più importanti.

Prima di tutto c’è stata la negoziazione con il DOJ (Department of Justice of USA), avvenuto lo scorso Novembre 2011. Su consenso di svariati azionisti di Full Tilt, che perderanno il loro patrimonio, è stata prevista la vendita dei beni al Groupe Bernard Tapie ed a quanto pare la cifra pattuita è di circa 80 milioni di dollari. Con l’approvazione degli azionisti alla cessione dei propri beni sarà possibile coprire quel prezzo.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Si aspetta in questi giorni – come afferma lo stesso Dayanim – l’accordo definitivo con il DOJ che stabilirà tutti gli ultimi dettagli e le varie condizioni al contorno. Una volta fatto ciò il passo finale atteso sarà l’ordine della Corte che permetterà l’acquisizione dei beni da parte del Groupe Bernard Tapie.

Gli avvocati al momento non hanno ancora fornito nessun dettaglio in merito ai tempi previsti per la vendita, ma sperano di concludere l’affare nella prima parte dell’anno.

Inoltre, tra i piani del Groupe Bernard Tapie, sembra che ci sia anche l’intenzione di far domanda per due licenze di gioco: con la Kahnawake Gaming Commission e con la Alderney Gambling Control Commission.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari