Saturday, Jul. 11, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 30 Mag 2020

|

 

Bravura o fortuna? Berkey analizza la storica vittoria di Joe Cada al Main Event WSOP

Bravura o fortuna? Berkey analizza la storica vittoria di Joe Cada al Main Event WSOP

Area

Vuoi approfondire?

Vi ricordate il trionfo del giovane americano Joe Cada al Main Event WSOP del 2009? È passato più di un decennio ma certe scene restano indelebili nella memoria.

E allora un altro grande pro d’oltreoceano, Matt Berkey, analizza ai giorni nostri per Poker Central una serie di mani molto interessanti con l’intento di capire quanto Cada è stato fortunato in quel Main Event e quanto invece è stato bravo.

Le mani sono tutte tratte dal combattuto heads up di Cada contro il sorprendente Darvin Moon, un amatore decisamente più attempato. Mettetevi comodi e gustatevi l’action…

La prima mano analizzata è proprio la primissima del testa-a-testa è parecchio strana e vede l’amatore Moon spuntarla con QQ contro 99 di Cada. I blinds sono 500k/1m. Cada comanda il count con 135.950.000 pezzi, ovvero il 70% della plastica in gioco. Moon limpa preflop e Cada rilancia a 3.5m. Berkley sentenzia: “Sarebbe stato meglio fare raise x4 o x5“. Moon poi fa solo call.

Il flop è 3K2. Le cose si fanno ancor più strane. Cada cbetta 3.5m e stavolta Berkley avrebbe puntato meno: “Su quel flop il limping range di Moon non ha hittato molto“. Moon sorprende tutti e rilancia a 10m.

In una mano standard questo raise viene fatto con 2-2, 3-3 e forse qualche K-x, in particolare KJ. Oppure con combo draw come 45, A5 che possono migliorare.

Cada è in gabbia. È probabile che sia buono e che Moon stia inventando un bluff, ma Cada perderà tanto se si sbaglia. Comunque la mano è assurda dall’inizio. Perciò non mi dispiacerebbe un fold contro un amatore in attesa di situazione migliore“.

Invece Cada chiama. Il turn è un A. Cada checka, Moon punta ancora 10m. Cada chiama: “Forse assegna all’avversario un draw di picche“.

Il river è un K. Cada checka sperando forse di vincere allo showdown. Ma oppo checka dietro e partono gli applausi per Moon. Il pot era di 47.300.000 chips.

 

 

Passiamo a un’altra bella mano. I blinds sono ancora 500k/1m. Cada apre con KJ a 2.5m. Moon difende con Q8.

Il flop recita 65J. Moon checka, Cada punta 3.5m con la Top Pair. Berkey commenta: “Su questa texture contro questo tipo di avversario relativamente wide, penso sia meglio puntare qualcosa in più. Non penso che Moon foldi un 6 o un 5“.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Moon comunque si “triggera” e rilancia a 8.5m col nulla. Per sua sfortuna Cada ha un Jack. Cada infatti chiama.

Il turn è una Q che fa passare n vantaggio Moon, il quale checka velocemente. Berkey: “Non mi dispiace. Avrebbe checkato anche mancando il turn. Passare a una condotta passiva non è una brutta idea“. Cada checka dietro.

Il river è un 2. Il pot è di 22.300.000 pezzi. “Moon ora potrebbe sparare molti bluff. È molto polarizzato perché potrebbe anche avere dei set. Dovrebbe puntare con una size importante. La sua Q è molto forte qui. Dovrebbe fare più di mezzo pot”. Invece fa 7.25m. “Cada è felice di chiamare a questo prezzo“.

 

 

Concentriamoci infine su una mano davvero importante che ha permesso a Cada di raddoppiare il proprio stack e di volare verso la vittoria del braccialetto.

Moon ora con 133.650.000 ha il 69% delle chips in gioco. Cada ha 61.150.000 e quindi il 31%. I bui sono 600k/1.2m. Cada apre a 3m dal bottone con J9. Moon difende con 87.

Il flop 1059 concede qualcosa a entrambi. Moon checka al 29% con la sua bilatera fuori posizione. Cada checka dietro con coppia di 9.

Il turn è un 10. Moon checka di nuovo, Cada stavolta punta 3m. Sentiamo Berkey: “Puntata ragionevole perché pensa di essere avanti“. Moon a sorpresa pusha al 16%!

Berkey disapprova: “I possibili bluff di Moon su questo board sono troppo evidenti. Lo fa con combo draw, draw di colore e un 8-7 come quello che ha. Non ha quasi mai una mano migliore del 9. Cada ha l’ottima occasione di smascherare un bluff al tavolo più importante del mondo“. E infatti Cada scaccia le paure e chiama.

Si va allo showdown. Moon avrebbe bisogno di un J o un 6 per vincere il Main Event. Ma il river è un innocuo 3 che fa esplodere i tifosi di Cada.

Ora che avete ripercorso queste tre mani, che ne pensate? Cada ha meritato di vincere o vi sono piaciute di più le condotte del suo avversario Moon?

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari