Tuesday, Jul. 5, 2022

Strategia

Scritto da:

|

il 14 Dic 2021

|

 

I sette comandamenti di Patrik Antonius per diventare poker pro

I sette comandamenti di Patrik Antonius per diventare poker pro

Area

Con oltre dodici milioni vinti in tornei live, e una lunga carriera ai livelli più alti dei tavoli cash game high stakes, Patrik Antonius è oggi uno dei volti più conosciuti del poker.

In una nuova serie di documentari dedicati al nostro meraviglioso gioco, chiamata “Last Call”, il finlandese ha ripercorso la sua carriera dagli inizi, spiegando quali sono le regole che un aspirante pokerista deve seguire se vuole diventare un pro.

Ecco i sette comandamenti di Patrik Antonius: in fondo alla pagina trovate il documentario in lingua originale con sottotitoli in inglese disponibili cliccando sul tasto ‘cc’.

Inizia dal basso

Il sogno di ogni aspirante pokerista è centrare la scalata, ossia partire dai micros per consolidare il bankroll e scalare tutti i livelli del poker, un gradino alla volta.

Questo è esattamente il percorso del finlandese:

“Ho iniziato a giocare a poker per pochi spiccioli con gli amici quando ero davvero piccolo, per lo più Five Card Stud o varianti simili. Se la giornata andava particolarmente bene potevo vincere cinque francobolli finlandesi o qualcosa del genere. E’ lì che è iniziato tutto”.

 

Scegli le partite giuste

Antonius sottolinea anche l’importanza della table selection in una accezione che ricorda da vicino quello di Daniel Negreanu.

“Al tempo la partita più grande online era 30$/60$ Fixed Limit Holdem. Non sapevo nulla del gioco ma iniziai a grindarlo e riuscii a migliorare velocemente. Di colpo stavo grindando fixed limit holdem contro i più forti giocatori del pianeta.”

Antonius si spostò poi ai tavoli di no-limit holdem quando furono disponibili e iniziò a giocare online 50$/100$ o 100$/200$, con qualche capatina al 200$/400$.

“Guardavo i tavoli cash game che c’erano nella lobby meravigliandomi di come potessero esistere partite così grandi! Se avessi perso non avrei avuto problemi a scendere di livello. Giocare contro avversari migliori di me fu di enorme aiuto per migliorare”.

 

Stai con i migliori

Nel documentario Antonius parla anche del legame che aveva con altri giocatori finlandesi quando iniziò a giocare a poker, a iniziare da Juha Helppi.

“Furono il gruppo con cui feci le mie prime trasferte pokeristiche. C’era tanta competizione tra noi finlandesi – dice Antonius riconoscendo che non tutti tifavano per il successo degli altri.

“Alla fine mi sono rimasti dei grandi ricordi di quei viaggi”.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

 

Non avere un ego

Voler affermare la propria personalità e le proprie pulsioni al tavolo verde per Patrik Antonius ha un effetto solo negativo sul gioco.

“E’ assolutamente cruciale conoscerti ed essere consapevole dei tuoi punti di forza e delle tue debolezze. Avere un ego ingombrante è qualcosa di negativo. Tanti soldi vengono persi ai tavoli quando le persone pensano troppo a loro stesse”.

 

Le decisioni al river sono fondamentali

Per Antonius il poker consiste fondamentalmente nel saper prendere buone decisioni, specialmente al river.

“I call, i bluff, usare la giusta dimensione delle puntate al turn è importante, ma al river lo è ancora di più.”

Qualunque fosse la decisione da prendere, Antonius dice di essere stato sempre particolarmente bravo a giocare l’ultima strada.

 

Non diventare schiavo della GTO

In passato Antonius aveva detto di non divertirsi più tanto ai tavoli verdi a causa dell’approccio ‘robotico’ dei giocatori orientati al gioco equilibrato della GTO.

Nel documentario il finlandese dice di non prendere mai una decisione basandosi sulla sola matematica:

“Per quanto possa essere vicino alla decisione corretta da un punto di vista matematico, per me non è mai abbastanza. La GTO è davvero importante ma può anche far uscire il tuo gioco dai binari”.

 

Il documentario

Ecco il documentario in cui Antonius ha rivelato i sette comandamenti per diventare giocatori professionisti di poker:

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari