Tuesday, Jun. 15, 2021

Storie

Scritto da:

|

il 19 Mag 2021

|

 

I primi passi nel poker di Patrik Antonius

I primi passi nel poker di Patrik Antonius

Area

Argomenti correlati

Proseguiamo la nostra rubrica “I primi passi nel poker” con una delle più grandi icone che il poker abbia mai avuto.

Patrik Antonius di recente si è raccontato in un podcast di Cardplayer, ricordando i primi approcci con carte e chips, da cui poi è nato il più vincente giocatore della storia del poker online.

Sentiamo allora le sue parole, a cominciare dalla presentazione di come viveva nella Finlandia di 20 e oltre anni fa.

Il destino era segnato

“Non era una famiglia grandissima, eravamo io, i miei e mia sorella. Mia madre lavorava all’asilo, mio padre guidava i camion. Vivevamo a Vantaa, appena fuori da Helsinki. Sono stato molto fortunato a vivere lì, a circa 30′ dall’unico casinò di tutta la Finlandia che offrisse poker. Se fossi nato più lontano ci sarebbe stata una chance che non scoprissi il poker, almeno a quella giovane età.

Conoscevo già il poker, avevo già giocato con degli amici a partite da pochi spiccioli, dove se qualcuno era in una gran giornata forse poteva vincere un dollaro. Giocavamo un poker a 5 carte con strani limiti di puntata, poi qualcuno scoprì da qualche parte le regole dell’Omaha. 

Un mio amico andò in quel casinò prima di me e scoprì che c’era il poker, e un giorno ci andai anche io. Stavano giocando l’evento per principianti, se dovessi convertire in dollari saranno stati forse $15, $20 di buy-in, mi iscrissi e vinsi il mio primo torneo di No Limit Hold’Em. Non sapevo ancora giocare, non avevo idea di cosa stessi facendo, in confronto a ciò che da poco tempo a quella parte stavo per imparare.”

A romanzare ancor di più la storia del finlandese, gli elementi che sembrano sottolineare la mano del fato: una famiglia povera, che abita a pochi chilometri da un casinò, e la prima iniezione di fiducia verso il poker.

Poker online: in due mesi +15.000%

“Erano bei soldi, ero emozionato. Ci saranno stati 50 giocatori. Quindi siamo tornati in quel casinò più volte, abbiamo continuato a giocare. Le cose si sono evolute nel 1999, quando sono riuscito a diventare migliore in questo gioco, e misi 200 dollari in un sito online per la prima volta in vita mia. 

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

In 2 mesi sono riuscito a portare quel bankroll a 30.000 dollari. Ancora non sapevo giocare, ma avevo più o meno capito che dovevo giocare molto aggressivamente e poi aggiustare il tiro nei giusti spot, tipo quando non aveva senso bluffare. 

Il mio stile aggressivo funzionava meglio online dove c’erano tavoli short-handed, giocavo heads-up, 3-handed, 4-handed ed ero l’unico che aggrediva i blinds. In poco tempo avevo fatto così tanti soldi quanti non ne avevo mai visti in vita mia.”

I tavoli live full ring non si sposavano con lo stile di gioco di Patrik, che come spiegherà ha imparato il poker cominciando dal lato opposto a come hanno imparato quasi tutti i giocatori. Un po’ come cominciare un libro dalla fine, se mai ne avesse aperto uno.

Un approccio unico al mondo

“Provavo letteralmente a giocare ogni mano, rilanciarle tutte, puntare tutti i flop, puntare tutti i turn. Vincevo così. Poi se i giocatori mi 3-bettavano mi arrendevo, ma più o meno ho imparato al contrario: giocavo ogni mano e lentamente ho cominciato a restringere e diventare più tight. Di solito la gente comincia giocando poche mani e ha problemi a vincere i piatti in certe situazioni. Io ero diametralmente opposto.

Penso di aver imparato il poker in una maniera completamente diversa dagli altri; non ho mai letto un libro di poker, nemmeno qualche pagina, nessuno mi ha mai insegnato nulla. Semplicemente giocavo e mi analizzavo. Ero molto fortunato che le partite fossero così basse e nessuno sapesse giocare.”

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari