Tuesday, Jun. 25, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 7 Giu 2012

|

 

WSOP 2012 – Intervista a Flavio Ferrari Zumbini appena arrivato a Las Vegas

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

WSOP 2012 – Intervista a Flavio Ferrari Zumbini appena arrivato a Las Vegas

Area

Vuoi approfondire?

E’ uno dei personaggi più noti del poker italiano: il Pro di Glaming Poker Flavio Ferrari Zumbini, in arte “confiteor”, noto giocatore di poker specializzato nel Limit Texas Hold’Em nonché cronista televisivo, anche quest’anno non manca l’appuntamento dei campionati mondiali nel Nevada. In questa intervista Flavio risponde a varie curiosità: dal suo schedule personale per queste WSOP passando per il viaggio in aereo con Isildur, le partite truccate, il Black Friday e la possibilità che PokerStars acquisti Full Tilt Poker.

Quali eventi giocherai quest’anno?

Sicuramente gioco sabato il 5.000$ Limit Texas Hold’Em, e poi deciderò di volta in volta. Tendenzialmente gli eventi THE Limit, gli shootout, e poi qualche evento No Limit da 1.500$.

Le altre varianti no?

Conosco le regole di tutti i giochi ma non ne ho mai approfondito neanche uno. Sono vari anni che vorrei giocarle più seriamente, mi riprometto spesso di studiarle ma alla fine non faccio nulla. Sapendo giocare bene le altre varianti aumenterei sicuramente le possibilità di vincere un braccialetto potendo partecipare a più tornei.

Il braccialetto: in Italia lo hanno in pochi, e di conseguenza conferisce una grande visibilità, ma dopo la caduta di Full Tilt qualcosa è cambiato in questi termini oppure la visibilità che conferisce un braccialetto ha lo stesso valore di due anni fa?

In Italia probabilmente il braccialetto vale quanto prima perché il mercato è abbastanza florido, visti i tanti operatori presenti. Nel resto del mondo, la caduta di Full Tiltha completamente cambiato lo scenario. In realtà, il fattore determinante di questo cambiamento, è stata la proibizione del gioco online negli USA . Il più grosso mercato del mondo è praticamente uscito di scena, e di conseguenza anche PokerStars ha ridotto le sponsorizzazioni verso i suoi giocatori.

Tu che hai partecipato alle WSOP prima e dopo il Black Friday, hai notato qualche cambiamento?

Sicuramente c’è stato un cambiamento dal punto di vista estetico: non si vedono più tante patch in giro. Ma, in generale, mi sembra sia cambiato poco. E’ chiaro che l’impossibilità di qualificarsi online si ripercuoterà sul Main Event, dove non saranno presenti più i giocatori qualificati online (per la mancanza di satelliti) e di conseguenza il numero di partecipanti ne risentirà un po’.

Flavio Ferrari Zumbini segue il torneo di Dario Alioto

Rumors parlano di una possibile acquisizione di Full Tilt da parte di PokerStars: cosa ne pensi, sarebbe una cosa buona?

E’ chiaro che se PS acquistasse FT, da un punto di vista egoistico, ragionando nel breve periodo, sarei contento perché rivedrei i miei soldi. Nel lungo periodo, è chiaro che la posizione già forte di PS diventerebbe dominante. Comunque io credo nel mercato: se PS dovesse dimostrare di essere troppo forte, padrone della tecnologia e monopolista, sono convinto che altri operatori, come Zynga Poker, entrerebbero in concorrenza. Se FT invece fosse acquistata da altri operatori, allora già ci sarebbe un certo equilibrio. Non dimentichiamoci che fra Ongame, Party Poker, iPoker, operatori ce ne sono in questo mercato. Non tantissimi, ma ci sono.

Si parla di una possibile migrazione dei giocatori di Ongame sul network di Party Poker: quale scenario si presenterebbe se ciò avvenisse?

Ongame è addirittura in vendita, è GD, che fa parte di Bwin e Party, che potrebbe migrare. Se migrerà non è dato saperlo: nel caso sia vero, lo sanno in pochi ed è un’informazione che tengono per loro. E’ chiaro che Party non ha liquidità in questo momento, che gli potrebbe fornire GD con un’eventuale migrazione. Quello che succederà, comunque, non è dato saperlo: se ne parla da tanto tempo ma ancora non è successo nulla di fatto. Staremo a vedere.

Hai viaggiato in aereo con Isildur: cosa vi siete detti?

L’ho riconosciuto solo alla fine del volo, stava a qualche posto di distanza da me. Visto che viaggiavo brandizzato Glaming, ha intuito che fossi un giocatore di poker che si stava recando alle World Series e mi ha augurato “good luck” per i tornei.

Si sta parlando di partite live truccate recentemente: tu ne sai qualcosa?

So che a Montecarlo, ultimamente, è stata trovata una persona con le carte sotto le ascelle. Per il resto non ho molta esperienza nei cash game high stakes live, ma quando ci sono in ballo grandi cifre è normale che qualcuno si ingegni. A questo proposito ne approfitto per suggerire di giocare online, dove è più facile garantire la sicurezza del giocatore. Comunque ritengo che nei casinò importanti ci siano sistemi di sicurezza molto elevati che non è facile eludere, se poi si parla di bische o di casinò di secondo piano, allora il discorso può cambiare.



Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari