Thursday, Sep. 24, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 16 Dic 2019

|

 

Un terzo posto tra frizzi e lazzi: il racconto di Federico Piroddi da Praga

Un terzo posto tra frizzi e lazzi: il racconto di Federico Piroddi da Praga

Area

Vuoi approfondire?

Piroddino c’è, anche qui a Praga.

Dopo l’exploit al WPT500 di Barcellona a inizio anno, Federico sfiora nuovamente il successo in un torneo live chiudendo al terzo posto il side Deepstack da 330€ per circa ventimila euro di premio.

Un risultato di proporzioni inferiori rispetto alla “missione catalana” – almeno in termini economici – anche se mettersi alle spalle 800 e passa giocatori non è mai un gioco da ragazzi

In tre per una Picca

Il torneo di Federico è durato due giorni. Nel primo si è giocato fino a 15 left, e soprattutto fino a notte fonda, per poi riprendere dalle 14.00 del giorno seguente fino alla proclamazione del vincitore.

Una maratona che, specie nelle fasi finali, si è giocata sul filo del rasoio: nella fase 4-handed l’average si attestava poco oltre i 20 big blind e tutti i contendenti puntavano forte alla conquista del trofeo.

Proprio la Picca infatti, dopo l’eliminazione in quarta piazza di Terje Bremseth, diventa l’oggetto principale della contesa nonostante tra il primo e il terzo posto ci fosse una differenza di circa 20mila euro.

Tanto che il chipleader provvisorio, Jan Bendik, arriva a proporre ai suoi avversari un deal alla pari a patto che il trofeo venisse assegnato a lui.

Per Federico l’accordo è un’offerta irrinunciabile – avrebbe preso più del premio riservato al secondo classificato pur avendo meno della metà dei gettoni del chipleader – così come per l’altro concorrente, Robert Lim.

Sarà proprio il giocatore che su hendonmob figura con la bandiera britannica a chiudere ogni spiraglio: “Anch’io voglio il trofeo, non mi interessa alcun deal, giochiamo!”

Il racconto di Federico

piroddi-federico

I tre decidono quindi di giocare e Bendik comincia a mostrare i denti facendo leva sull’ICM: lo slovacco infatti, già vincitore di un Main EPT, si prodiga in qualche shove non proprio ortodosso con trash hand o giù di lì, mostrando le sue carte in diverse circostanze.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Certo, due indizi non fanno una prova ma Piroddi non è certo alle prime armi e all’ennesima apertura del chipleader non esita a mettere i suoi 20 big blind – forse qualcosa in meno – al centro con una Kappa e una Dama.

Lo slovacco ci pensa meno di una frazione di secondo e annuncia il call con A-6s, il board gli sorride e per Federico non c’è più nulla da fare:

Mi sarebbe piaciuto vincere la Picca – confessa a fine torneoE’ comunque un titolo EPT e il poker è competizione. Quindi va bene pensare al profitto e scalare i livelli ma anche sollevare qualche trofeo non fa male…

Vegas? A chi non piacerebbe vincere un braccialetto ma al momento non rientra nei miei piani per ovvie questioni di tasse, quindi mi accontento di giocare i tornei più carini in giro per l’Europa.

Nonostante il contesto di tutto rispetto, il field affrontato non è stato certo dei più ostici:

Un livello piuttosto basso, molti partecipanti davano l’impressione di essersi iscritti più per passare un week-end divertente ai tavoli che per ambire a chissà quale risultato di prestigio. 

Se c’è stato qualcuno che mi ha messo in difficoltà? Mah, qualche ragazzo in alcune circostanze ma nulla di che. Per farvi capire l’andazzo, nel corso del Day1 un giocatore comincia a dire di volersene andare a dormire e si mette a pushare tutte le mani al grido di ‘Gamble, gamble, gamble…’ 

Beh, a un certo punto mi sono rotto le scatole, ho spizzato J-9s e ho detto ‘GL’ chiamando il suo ennesimo openshove: ha girato J-2 off e fortunatamente (per me) ha centrato il suo obiettivo…😀”

Se vi siete persi il racconto del runner-up di Federico Piroddi al WPT500 di Barcellona DATE UNO SGUARDO QUI

Photo Credits: Stefano Atzei

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari