Sunday, Nov. 17, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 1 Giu 2012

|

 

WSOP 2012 – Daniel Negreanu alla caccia del quinto braccialetto… con la maglia dell’Italia!

WSOP 2012 – Daniel Negreanu alla caccia del quinto braccialetto… con la maglia dell’Italia!

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Sono rimasti in nove a contendersi il braccialetto dell’evento #5, il Pot Limit Hold’Em da 1.500$ iniziato l’altro ieri qui al Rio Casinò di Las Vegas in occasione delle World Series Of Poker 2012.

Daniel Negreanu è in corsa per conquistarlo, e se ci dovesse riuscire, sarebbe il suo quinto titolo mondiale. Il pro di PokerStars si notava ai tavoli per la sua felpa di un blu che a noi è molto famigliare: è della nazionale di calcio italiana, con le quattro stelline dei quattro mondiali conquistati. “Un portafortuna”, dice, “Me l’ha portata un amico e sembra stia funzionando”.

Si parla di Pot Limit Hold’Em, quel “Pot Limit” che suona strano per noi italiani a cui piace tanto andare all-in. Qualcuno potrebbe pensare che, in fondo, i due tipi di gioco non siano tanto diversi. Invece esistono delle differenze fondamentali, quella più importante secondo Daniel è che ”Nei tornei di PLHE non ci sono ante, quindi gli short stack da 10BB valgono e durano molto di più rispetto agli stessi stack in un torneo No Limit, a causa del loro rapporto alla dimensione del piatto”. Un consiglio utile per non cadere in un errore comune: “Molta gente entra in panico nel Pot Limit Hold’Em quando ha uno stack del genere, e non dovrebbe, perché quelle chip valgono e durano molto di più di quanto non credano”.

Che sia No Limit o Pot Limit Hold’Em, un braccialetto è sempre un braccialetto, e domani Daniel farà di tutto per accaparrarselo, anche se sarebbe il quinto della serie. Ma perché è così importante? Vincere un EPT non sarebbe la stessa cosa? Sembra di no, almeno per Daniel: “Le WSOP sono la storia del poker, hanno anni di reputazione alle spalle e per questo sono diventate la competizione più prestigiosa al mondo, non a caso vediamo i migliori giocatori partecipare ogni anno a questi eventi, ed è per questo motivo che il braccialetto è il trofeo più importante che io possa vincere

Sperando di vedere presto un azzurro al tavolo finale, non ci resta che augurare un grande in bocca al lupo a Daniel che, oltre a portare un po’ di Italia alle WSOP, al mio “Thank you very much” alla fine dell’intervista risponde con un “Grazie” pronunciato perfettamente in italiano.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari