Thursday, Jan. 17, 2019

Strategia

Scritto da:

|

il 19 Dic 2018

|

 

Perché a poker non bisogna assegnare all’avversario una sola mano?

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Perché a poker non bisogna assegnare all’avversario una sola mano?

Area

Vuoi approfondire?

Giocando a poker all’inizio viene naturale assegnare all’avversario una mano precisa e valutare sulla base di ciò le proprie scelte al tavolo.

In un gioco a informazione incompleta come il poker però pensare che l’avversario abbia una sola mano specifica ogni volta è un errore grave che si riflette nel lungo periodo negativamente, i professionisti infatti non ragionano su una mano precisa dell’avversario ma valutano il cosiddetto range di mani ipotetico.

Che cos’è un range di mani?

Per range di mani possibili si intende lo specchio di mani probabili che l’avversario potrebbe avere, il ventaglio di accoppiate di carte che un giocatore può nascondere.

Le stime sui range avversari cambiano nel corso della partita con l’ottenimento di nuove informazioni.

Per capire quali carte l’avversario può celare si deve tener conto di alcuni fattori, che spaziano dalla posizione al tavolo alla conoscenza dei giocatori stessi e della loro attitudine nella partita in corso o nella loro “storia personale”.

Ecco una spiegazione di Daniel Negreanu sui rangeed ecco qualche consiglio utile su come stimarli al meglio.

Perché non bisogna assegnare una sola mano all’avversario?

Assegnare una sola mano all’avversario è sbagliato perché i giocatori possono adottare lo stesso stile di gioco con mani diverse tra loro o diversi stili di gioco con le stesse mani a seconda della situazione.

Partire dalla base “il mio avversario ha questa mano” mette in condizioni di svantaggio fin da subito, infatti in un gioco come il poker basato sulle informazioni usare questa premessa ha lo stesso valore di credere a un bluff perché porta semplicemente a convincersi di una mano che l’avversario in realtà non ha.

Nell’immagine in copertina il giocatore a sinistra sta commettendo l’errore di credere che l’avversario abbia la singola mano 7-7 mentre il giocatore a destra sta valutando invece il range di mani papabili con quella board.

Il giocatore a sinistra risulterà sempre perdente perché fossilizzandosi su quella mano e quindi sul poker di 7 dell’avversario folderà qualunque punto, nel caso in cui avesse chiuso un full con coppia di K in mano e l’altro avesse in realtà un solo 7 avrebbe perso un piatto assicurato permettendo al giocatore a destra di estrarre valore da un tris perdente.

Questo è un episodio molto noto di mono mano assegnata all’avversario capitato a un evento delle WSOP.

Ipotizzare una mano molto forte all’avversario solo perché ha puntato pre flop o crederlo debole perché si è limitato al check da grande buio è un errore molto grave, il vantaggio nel considerare piuttosto un range ampio di mani sta proprio nel fatto che ci si tiene aperti a più possibilità.

Man mano che si procede con ogni nuova carta al tavolo e ogni nuova azione le informazioni aumentano e il range di partenza si assottiglia incrementando le possibilità di capire realmente la mano dell’avversario.

Essere preparati a ogni evenienza è impossibile se si assegna una sola mano all’avversario e cadere in trappola o subire un rilancio inaspettato è molto facile con esiti quasi sicuramente negativi, apritevi sempre piuttosto a considerare diverse mani possibili e diversi punti chiusi o in pescata ricordando sempre che a poker un dubbio impreciso fa meno male di una certezza sbagliata.

 



banner-calendario-tornei

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari