Friday, Nov. 22, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 16 Lug 2015

|

 

I 5 momenti indimenticabili della spedizione a Vegas di Max Mosele: “Dall’arrivo al McCarran al final table del 777!”

I 5 momenti indimenticabili della spedizione a Vegas di Max Mosele: “Dall’arrivo al McCarran al final table del 777!”

Area

Vuoi approfondire?

Dopo un 2014 nefasto, anno in cui la bad run la ho perseguitato senza lasciargli respiro, Massimo Mosele può finalmente sorridere. Nell’edizione delle World Series appena trascorsa, alla sua quarta apparizione in carriera, “MAXSHARKKK”, ha centrato il suo primo final table WSOP.

E poco importa il nono posto finale; arrivare a sedersi nel tavolo principale dell’Amazon room è un momento che resterà di certo scolpito nella sua memoria.

Il Team Pro di PokerYes ha dunque stilato una personalissima top 5 dei momenti più emozionanti vissuti durante questa 46° edizione dei campionati del mondo ormai giunta al termine.

Andiamo a scoprirla:

 

5) L’ATTERRAGGIO A LAS VEGAS

Ogni anno è emozionante come la prima volta; quando atterri al McCarran sai che starai per giocarti i tornei più importanti dell’anno. Immergersi poche ore dopo nell’atmosfera del Rio, varcando quella soglia con scritto WSOP, è un qualcosa che dà sempre i brividi.

 

4) LA BOLLA AL 3000$ 6-max

In un momento delicatissimo, dopo 16 ore di combattimento, 1.000 players eliminati, ne mancano appena 6 allo scoppio della bolla. Su unopened ho deciso di pushare da sb AQs, ma quando il bb ha snappato sono rimasto di ghiaccio. Ha girato A-K e mi ha eliminato. In quel momento tanto sconforto e amarezza, in ogni caso sono attimi di vita vissuta che ricorderò a lungo…

 

3) IL REGALO AL 777

Terza mano del day3 al 777 a 60 left, sono in average. Spillo A-A da utg e su fold generale sento il bb che, senza un attimo di esitazione dice all-in con uno stack simile al mio (35x circa). Lì per lì non mi sembrava vero: ricontrollo se sto sognando e se davvero ho i pini. E’ tutto vero: chiamo e lui gira Q-8 off. Resto a dir poco allibito. Il turn 8 mi fa gelare sangue, risvegliando fantasmi degli ultimi 2 anni di live, ma questa volta il river è un blank e mi ritrovo nella top 10 del count a 60 left in un torneo da 4422 players.

 

2) IL MAIN EVENT

L’inizio del main event è sempre emozionante perchè è il Torneo dei Tornei, perchè c’è un atmosfera particolare, perchè sai che è l’ultima occasione dell’estate per far fare ITM e sognare una run memorabile.

 

1) Il FINAL TABLE WSOP 777

Sedersi nel mitico tavolo, più volte solo visto in streaming da casa o direttamente all’amazon, dopo 2 ore e mezza interminabili a 10 left, è stata una sensazione unica. Ricordo lo stress devastante nella fase pre-final table in cui gli short raddoppiano per ben 4 volte di cui due rocambolescamente al 10% al river. Ho poi accettato l’eliminazione serenamente perchè dentro di me sapevo bene che per arrivare fin a quel punto avevo runnato davvero bene…

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari