Tuesday, Mar. 26, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 18 Apr 2017

|

 

Intervista a ‘IJustGamble’, colonnello dei 1.000$ HU Hyper: “Lavora forte, gioca forte, festeggia forte!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Intervista a ‘IJustGamble’, colonnello dei 1.000$ HU Hyper: “Lavora forte, gioca forte, festeggia forte!”

Area

Vuoi approfondire?

Assieme al boss ‘Killuifuplay’ e all’analista ‘Bakudranski’, IJustGamble è un ex regular dei $1000 Heads-Up Hyperturbo che oggi fa parte del team Smart Spin, la scuola di Spin&Go più importante al mondo da poco arrivata anche in Italia.

Il giocatore, che abbiamo già visto all’opera in HU HT da 5.000$ di buy-in nei replay a carte scoperte contro ‘Trueteller’ e ‘VbV1990’, è una persona singolare che odia chi gli dice quello che deve fare: un vincitore a 7 zeri che ha investito i suoi soldi per la cosa per lui più preziosa al mondo, ovvero fare esperienze memorabili.

La vita del tre volte consecutive Supernova Elite scorre oggi tra appartamenti lussuosi, macchine veloci e viaggi mozzafiato per il mondo.

 

D: Sei uno di quelli che ha ottenuto ciò che i giocatori di poker si sognano, raggiungendo milioni di dollari di profitto. Tuttavia abbiamo bisogno di fare qualche domanda per partire e dato che qualcuno potrebbe non riconoscerti, potresti per favore dirci com’è cominciata la tua carriera da pokerista?

IJustGamble: Ciao è un piacere anche per me! I miei primi passi sono stati simili a quelli di tanti altri giocatori di poker. Beh, magari non del tutto… Molti dicono che hanno vinto i primi $50 nei freeroll e non si sono mai più guardati indietro, ma nel mio caso è stato abbastanza diverso. Dopo aver superato i difficilissimi poker quiz, ho preso tutti gli articoli su come essere un nitty al NL2, ho avuto il mio capitale di partenza eeeee… è andata. Ho ignorato tutte le regole del bankroll management e mi sono seduto al NL50. Non è andata bene. Ho perso i soldi ma allo stesso tempo ho ricevuto qualcosa di più prezioso: la sensazione che questo gioco potesse essere molto redditizio… Ed ho cominciato a crederci. Quindi ho preso un secondo capitale iniziale (continuando a ignorare qualsiasi regola di bankroll management) e non mi sono più guardato indietro.

D: Cosa ti ha veramente portato nel poker?

IJustGamble: La libertà ed… i soldi. Con l’aiuto di questi ultimi, posso mandare affan***o tutti e le loro aspettative nei miei confronti. Questo modello di vita mi ha sedotto in gioventù. Ti danno un solo schema predefinito che “dovresti” seguire per tutta la vita: laureati, vai a lavorare, richiedi un mutuo per comprarti un appartamento e restituiscilo pagando per i prossimi 50 anni. Nel mentre, ti fai il culo lavorando e l’unica opportunità che hai di vedere il “mondo” è di farti qualche vacanza low-cost in Egitto. Non funziona così per me, ecco perché ho deciso di puntare tutto su una carta… Beh ad essere precisi su due. Da che ricordi, non ho mai avuto problemi di apprendimento. Mi scocciava di più obbedire agli ordini che venivano dall’alto. Ecco perché cerco di evitare queste situazioni. Addirittura tu, mi hai innervosito nel ricordarmi tutti i giorni di questa intervista 😀

D: Ho sentito così tante volte di questo tipo di attitudine da persone che poi alla fine dei conti non ce l’hanno fatta. Perché questo? Che cosa hai fatto di diverso per essere qua con i tuoi risultati a sette zeri, a differenza degli altri che hanno fallito?

IJustGamble: Perchè sono in egual misura un sognatore ed un ostinato figlio di p… Non mi piace pianificare i miei traguardi, preferisco essere più creativo e semplicemente lasciare che accadano. Ricevetti questo scontrino da un dollaro. Ho voluto scriverci uno zero in più ogni tanto. Quando decisi di guadagnare i miei primi $100,000 li ho scritti su quello scontrino. Quando ce l’ho fatta, ci ho aggiunto uno zero in più… E’ il mio talismano, mi ricorda di rincorrere i miei sogni, di raggiungere le più alte vette e di non rallentare mai. Il poker è semplice se sei veramente motivato, questa motivazione potrebbe essere diversa da persona a persona. Qualcuno desidera qualcosa di tangibile come una casa, una macchina, soldi a palate… Altri lo fanno per battere qualche record, altri ancora magari lo fanno per guadagnare rispetto ed essere i migliori. Secondo me la cosa migliore è combinare tutte e tre le motivazioni che ho appena detto.

D: Con questa attitudine sei stato in grado di raggiungere i $500 e conoscere il regular ‘FCD’, giusto?

IJustGamble: Fu quando ero un coraggioso reg dei $500 già con una certa esperienza. ‘FCD’ stava scalando gli stakes ed anch’io avevo bisogno di fare un passo in avanti. Ci fu una piccola rivalità con lui, ma una di quelle positive, con un guadagno reciproco. Quando non ci davamo ai party più sfrenati, impiegavamo un mucchio di tempo a parlare di teorie di gioco. Lavoravamo alla vecchia maniera. Tre tipi seduti in sala, una fila di monitor accesi 24/7 ed un sacco di grinding. Quasi sempre c’era qualcuno in quella stanza a farsi il culo. Lavora forte, gioca forte, festeggia forte. Abbiamo portato il concetto al limite.

https://www.italiapokerclub.com/poker-video/234699/a-carte-scoperte-heads-up-ijustgamble-vs-trueteller-smart-spin/

D: Quindi come hai fatto a fare quell’ultimo passo e diventare uno del gruppo $1,000 HU HT?

IJustGamble: Immagina una ribellione, l’esercito che scende per le strade. Un gruppo decide di rovesciare il governo. I marescialli non vogliono che accada e scelgono tra i più fidati e abili colonnelli per respingere l’attacco. Potere e carriera saranno le loro ricompense. In questa storia ero un colonnello, un dignitosissimo reg dei $500 che ogni tanto faceva del bumhunting ai $1000. La mia reputazione era impeccabile, non ho mai rifiutato alcuna action, la mia regola era di non clickare mai quel “bottone”. Non riuscivo a lasciar perdere, anche quando ero veramente stanco.

D: Parliamo spesso di vincere e scalare gli stakes… Ma questa regola sembra quasi un’attitudine “perdisoldi”.

IJustGamble: Non posso dirti quanto ho perso facendo ciò, ma avrei da ridire sulla tua definizione di attitudine “perdisoldi”. E’ così che ho costruito la mia reputazione e gettato le basi per raggiungere gli altri ragazzi dei 1000$. È stato utile anche quando nuovi giocatori hanno attaccato la mia lobby. Perché dovrebbero sedersi con qualcuno che non rifiuta mai l’action? Preferivano sfidare i miei colleghi ed io avevo molto tempo a disposizione per guadagnare soldi con giocatori occasionali. Tenendo conto di ciò possiamo dire che non ho perso soldi, perché ne ho riguadagnati molti di più dopo.

D: Ok. Sei un colonnello e c’è una ribellione in atto… Che altro?

IJustGamble: Il gruppo di ribelli originò da una ben conosciuta Household di Bali, cinque regular dei $300 che decisero di saltare i $500 ed attaccare i marescialli direttamente ai $1000. Decisi di aiutare i giocatori dei $1000, c’erano un paio di ragioni che portarono a questa decisione. Prima di tutto, l’attacco di gruppo stava infrangendo le regole delle partite high stakes, secondariamente, ho intuito qualche vantaggio per me stesso. Sono stato sempre un giocatore di squadra ed il poker Heads Up non lo è: quando ho visto che ci sarebbe stata la possibilità di lavorare in gruppo non me la sono fatta sfuggire. I marescialli mi promisero che mi avrebbero fatto entrare nel loro gruppo solo se li avessi aiutati a difendersi. In quel periodo, quando stavo combattendo furiosamente contro gli “attaccanti” e mi stavo ricavando una nicchia tra gli high stakes, vivevo con FCD. La sua mente analitica ed il suo continuo supporto mi hanno sicuramente aiutato a finire la mia missione. Con buoni risultati.

D: Una storia senz’altro interessante. Conoscevi questi tizi dei $300? Avevano realmente possibilità di vincere contro i regs dei $1000? Quanto è durata? Puoi dirci qualche dettaglio?

IJustGamble: Si trattava di qualche mid stake reg (fino ai $300) che decise di fare gruppo e saltare direttamente agli stakes più alti e sfidare i migliori giocatori HU HT. Una scelta sicuramente coraggiosa, se pensi un po’ alle loro abilità, non erano di sicuro dei veterani della guerra contro i regulars. Ci hanno provato per circa un anno. Non gioco più là perché nel frattempo SmartSpin ha richiesto sempre più attenzione e tutti i fondatori hanno smesso di giocare, me incluso. Ho sentito comunque che tre di loro alla fine hanno ottenuto quello che volevano, ovvero l’invito al gruppo d’elite dei $1000 HU HT.

 

[fine prima parte]

Seconda parte

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari