Thursday, Oct. 24, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 1 Set 2017

|

 

E se al tavolo vi trovaste un amico? Il racconto di Giada Fang e Andrea Crobu al PSC Barcellona!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

E se al tavolo vi trovaste un amico? Il racconto di Giada Fang e Andrea Crobu al PSC Barcellona!

Area

Vuoi approfondire?

Al tavolo son tutti nemici, o forse no…

Sebbene trovarsi uno di fronte all’altro con qualcuno che conosciamo bene, anche nel corso di festival affollati come il PSC Barcellona, non sia poi impossibile rimane comunque difficile gestire la situazione senza snaturare il proprio gioco.

Ci si fa troppo la guerra? Chip dumping. Si gioca troppo passivamente? Soft play. Le accuse sono sempre dietro l’angolo dal lato di chi osserva, ma come comportarsi in una situazione simile?

Lo abbiamo chiesto a Andrea Crobu e Giada Fang, coinquilini per una settimana in quel di Barcellona, che proprio in occasione dell’ultima trasferta Catalana si sono trovati allo stesso tavolo per diverse ore al side da 1.100€ single entry: ecco cosa ci hanno raccontato!

Cosa si prova ad avere un amio come avversario al tavolo da gioco?

Giada Fang: Per me è bello stare al tavolo con qualche amico…Ci si rispetta e (in genere) non ce la si combina ma soprattutto è bello, fuori dal tavolo, parlare degli spot e delle reads sugli avversari. Ovviamente parliamo di amici fidati, perché molti conoscenti invece se ne approfittano e te la combinano apposta. 

Andrea Crobu: Avere un amico al tavolo ha pro e contro, diciamo che io preferisco non avere nessuno di mia conoscenza! In linea generale ci si rispetta di più e non ci si fa la guerra, discorso diverso se ci trovassimo a un IPT: allora li giocherei senza remore contro tutti perché conosco il field italiano e non si può softare in 7/8 al tavolo 😅

“L’appartamento spagnolo” parte III

Vi è mai venuto lo scrupolo di poter essere accusati di softplay, anche in altre circostanze? 

Giada Fang: No, e in generale ai live è molto difficile che si possa parlare di softplay, mentre è un altro discorso…

Andrea Crobu: No dai, perché comunque basta passare quando apre il tuo amico e nessuno se ne accorge no?😅  Scherzi a parte c’è stato uno spot divertente al tavolo dove son stato accusato di dumping: sono di BB con A2s e ho 11bb, un signore apre CO 2bb, gioca SB e gioco io. Flop A-6-2 rainbow, doppio check e il signore su pot da 9bb c betta 6/7bb. SB pass, io shovo i miei restanti 10bb e quello snap folda! Tutto il tavolo diceva ‘dumping, dumping!’ allora mi sono alzato, ho preso i due tesserini con nome e cognome e quando hanno capito che era abbastanza dura che un polacco dumpasse le chip a un sardo si sono ricreduti…Comunque a fine serata mi è toccato offrire qualche birra!

C’è qualcosa di curioso che avete notato l’uno dell’altro mentre giocavate assieme? 

Giada Fang: Non ho giocato tanti live con Crobino ma osservavo sempre il suo shuffle…

Andrea Crobu: Vedere Giada in azione, anche se ci conosciamo già da 4 anni quando ancora aveva la patch, fa sempre un certo effetto. E’ triste non vederla più con lo sponsor, anche perché diciamo che era più bulla😛 ma penso che in fondo non cambi nulla: è comunque sempre ben vista da tutti perché è una ragazza simpaticissima, dolce e socievole, quindi la patch può solo accompagnare!

 

E a voi è mai capitato di trovarvi con un amico al tavolo? Scrivetecelo sulla nostra Fanpage!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari