Friday, Aug. 23, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 18 Gen 2018

|

 

Reg Identikit – Domenico ‘sonnykelevra’ Di Paola: “Il mio A-Game? 16 tavoli in contemporanea!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Reg Identikit – Domenico ‘sonnykelevra’ Di Paola: “Il mio A-Game? 16 tavoli in contemporanea!”

Area

Vuoi approfondire?

Pur essendo un regular particolarmente attivo da anni su PokerStars.it, la community sembra averlo adocchiato solo poco tempo fa.

Vero, i tempi son cambiati e scovare cash gamer che giocano oltre 15x è evento più unico che raro, considerando l’inevitabile calo del guadagno orario dato del multitabling, che qualche tempo or sono fruttava anche e soprattutto grazie alla rakeback.

Eppure lui è rimasto fedele alla natura di ‘massgrinder’ e non abbiamo davvero potuto non incuriosirci. Domenico Di Paola, 27 anni da Colle D’Anchise (Campobasso) clicca col nickname ‘sonnykelevra‘ (a sinistra in foto copertina).

Prima di capire cosa lo spinga ancora oggi a giocare enne tavoli in contemporanea, gli abbiamo chiesto, come ogni ‘Reg Identikit’ che si rispetti, qualcosa sul suo passato:

“Ho conosciuto il poker un po’ come tutti in tv e nelle partitelle tra amici durante le feste di Natale 6-7 anni fa. Mi sono subito piaciute le caratteristiche principali del gioco quali matematica e pazienza prima di tutto e ovviamente l’abilità che conta molto di più della fortuna. Così con un piccolo deposito online e un po’ di studio teorico ho scalato tutti i livelli dal NL2 al nl50 in meno di un anno e una volta raggiunto il NL50 e lo status di supernova ho cominciato ad approcciarmi più seriamente al gioco iniziandolo a considerare come un lavoro vero e proprio.”

Fatta eccezione per una parentesi con i sit, Domenico si è da subito concentrato sul cash game, skippando a pie’ pari gli MTT:

“Ho cominciato con i sit & go ma solo per un breve periodo di tempo perché subito dopo ho provato il cash game e mi è piaciuto molto di più. Preferisco quest’ultima variante agli mtt prima di tutto per la libertà di scelta degli orari di gioco, e perché secondo me è il cash game la vera essenza del poker in quanto si gioca più deep quindi con molti più spazi di manovra in cui si evidenziano le skills di un poker player.”

Eccoci al dunque. Mimmo, ma come diavolo fai a giocare ancora oggi 14-20x?

“Innanzitutto seguo un criterio rigido e preciso per ciò che concerne la table selection: il numero dei reg non deve superare il numero degli occasionali al tavolo. Questo perché secondo me per quanto un reg possa essere meno preparato di altri contro di lui non si guadagna tanto e per il multitabling che ho non posso permettermi di giocare parecchi spot contemporaneamente vs regs. La scelta del numero di tavoli è personale e dipende dalla capacità di ciascuno di poter gestire bene un determinato numero di tavoli. Io dopo tanto allenamento ed esperienza sono giunto alla conclusione che ottengo il maggior guadagno orario giocando 16-18x perché riesco a gestire molto bene questo numero di tavoli. Oggi gioco dal NL25 al NL200 in base al field che trovo 3-4 ore medie giornaliere.”

Il profit 2017 di Domenico: 35.000€ in 1.000.000 di mani!

Così come altri regular – e a differenza di altrettanti – ‘sonnykelevra’ è cresciuto da puro autodidatta:

“Il coaching può essere utile se all’inizio si vuole velocizzare il processo di apprendimento. Io personalmente non ho mai avuto coach ma sono cresciuto da autodidatta leggendo articoli e guardando video sui forum e acquistando ogni tanto dei pacchetti video teorici da scuole di poker italiane per tenermi aggiornato sul crescente sviluppo del gioco. Conosco pochissimi reg e difficilmente mi capita di confrontarmi con qualcuno. In compenso faccio spesso review, talvolta anche in game! :D”

In chiusura, come da tradizione, Di Paola ci ha fatto i nomi dei suoi idoli/mentori pokeristici:

“All’inizio i soliti; Ivey, Negreanu e compagnia bella. Ma negli ultimi anni non posso che seguire e farmi ispirare da coloro che distruggono gli high stakes .com: OtB_RedBaron, limitless e LLinusLLove.”

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari