Thursday, Aug. 13, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 25 Dic 2012

|

 

Cinzia Bonfrisco: “Cattiva informazione sulla liberalizzazione del poker live”

Cinzia Bonfrisco: “Cattiva informazione sulla liberalizzazione del poker live”

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

La Senatrice Cinzia Bonfrisco, uno dei due firmatari del subemendamento che ha ripristinato il bando per il poker live a gennaio 2013, vuole fare un po’ di chiarezza a riguardo: sulle pagine del “Corriere della Sera”, la 50enne del Popolo delle Libertà prova a spiegare il perché di quelle decisioni.

Alla luce del risultato ottenuto al Senato la Bonfrisco afferma: “Ma quale liberalizzazione del poker! Si tratta di un iniziale vizio di comunicazione, causato dall’errata interpretazione della procedura parlamentare, che ha generato una slavina di cattiva informazione inducendo nell’errore fior di commentatori ad addebitare a me e al senatore Pichetto l’emendamento per la liberalizzazione del poker live.”

Infatti, uno degli attacchi più duri arrivò proprio dal Ministro Balduzzi che affermò: “Sono sconcertato di questi emendamenti notturni in tema di gioco d’azzardo patologico che sembrano invertire il senso dell’attenzione che il governo ha avuto quest’anno su questa questione che ha un impatto sanitario sempre più pesante oltre che un impatto sulla vita delle persone drammatico.”

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Così la Bonfrisco vuole spiegare in concreto cosa successe in quel fatidico 15 dicembre: “L’emendamento presentato, non di notte ma il giorno 15 dicembre alle ore 18, alla scadenza dei termini regolamentari, sopprimeva la norma di proroga proposta dal governo attraverso il testo dei relatori: vale a dire che noi impedivamo tutte le proroghe previste dal governo. Quindi non siamo noi ad aver introdotto le sale da poker live in Italia, ma è una responsabilità del governo stesso.”

“Per quanto riguarda le norme sulla ludopatia – conclude la Senatrice – proprio il nostro emendamento manteneva l’entrata in vigore al 1˚ gennaio 2013 della pubblicità obbligatoria contro la ludopatia, prevista dal decreto Balduzzi. Balduzzi avrebbe dovuto ringraziarci invece che accusarci ingiustamente, credo si possa comprendere il mio rammarico”.     

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari