Thursday, Jul. 2, 2020

Poker Online

Scritto da:

|

il 26 Nov 2013

|

 

Giovanni ‘gioriz’ Rizzo: ‘Il braccialetto ICOOP mi ha aiutato a vincere il Deep Sunday Master’

Giovanni ‘gioriz’ Rizzo: ‘Il braccialetto ICOOP mi ha aiutato a vincere il Deep Sunday Master’

Area

Vuoi approfondire?

L’ho sempre pensato: vincere aiuta a vincere. Succede nel poker, succede anche negli altri sport. Forse anche inconsciamente, la vittoria porta a sederci al tavolo con serenità e negli showdown, magari, più che contare gli ‘out’ utili al nostro avversario, speriamo che possano cadere le nostre… e questo aiuta. E poi, almeno credo, si gioca meglio: liberi dalle pressioni, il nostro A-game non è un miraggio cui aspirare, perché ci accompagna senza fatica, come se fosse la cosa più scontata di questo mondo. Giovanni ‘gioriz’ Rizzo, professionista rispettato di GD poker, sta provando tutto questo: dopo aver vinto il suo primo braccialetto ICOOP appena una manciata di giorni fa, ha fatto suo il ‘major’ di casa, quel Deep Sunday Master che, in due altre occasioni, aveva solo sfiorato.

IPC: Complimenti per la vittoria! Quanto è passato dall’ultimo trionfo in un domenicale? E’ il primo su GD poker, room che ti sponsorizza?

GR: Grazie mille! Circa sei mesi, se non sbaglio. L’ultimo ‘major’ domenicale vinto è stato l’Eldorado a fine gennaio o giù di lì. Quest’anno sì, è il primo su GD poker, e viene dopo due secondi posti in carriera al Deep Sunday Master, quindi ci tenevo particolarmente. Ovviamente lo shippo di peso ‘in casa’ fa ancora più piacere.

IPC: Tecnicamente è stato duro il tavolo finale? C’è un avversario che hai temuto particolarmente?

GR: È stato un tavolo finale in cui quasi tutti mi son sembrati preparati, come sempre più spesso succede purtroppo, ma senza ‘picchi’. Il più scomodo è stato, forse, ‘asfaltocaldo’, poi arrivato in heads up con me. L’ho rimesso in pista io, quando gli ho ‘tirato in faccia’ un average e mezzo a 14 left: ero chipleader, lui quarto e ci siamo giocati A-Q < A-K. E’ stata una mano forzata da parte mia, temevo potesse costarmi.

IPC: C’è stata una mano chiave, un momento particolare, che ti ha fatto credere che ce l’avresti fatta?

GR: Quattro left ero il più corto e ho vinto un bel po’ di piatti uncontested, cambiando marcia dopo un final table abbastanza tranquillo fin lì. Mi ha dato fiducia l’avere un bel timing nelle giocate, è importante.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

IPC: Domanda che mi sono spesso fatto: hai recentemente vinto un braccialetto ICOOP… come ci si sente ai tavoli dopo un’affermazione tale? Io mi sentirei tranquillo e forse giocherei ancora meglio, è così?

GR: Sicuramente dà fiducia. E’ un risultato che, anche ‘mediaticamente’, dà risalto. Comunque, dopo cinque anni a ‘cliccare’ MTT, ho una serenità di fondo che mi aiuta molto, ho difatti sempre curato molto il mindset.

IPC: Ultimamente hai ottenuto straordinari risultati online: sei un’eccezione rispetto a questa paventata ‘saturazione’ del poker ‘.it’? Oppure hai apportato delle modifiche, evidentemente vincenti, al tuo gioco nell’ultimo periodo?

GR: Sì, non mi posso lamentare, anche se l’anno scorso, di questi tempi, vincevo addirittura qualcosina in più, poca roba, ma testimonianza del fatto che, sicuramente, il field si è indurito. È oggettivo e bisogna prenderne atto con umiltà. Semplicemente, non penso che l’indurimento sia così sostanziale se si ha la professionalità di rimettersi sempre in gioco. Quindi c’è stato da parte mia un adattamento di stile e un approfondimento nello studio post sessione che, entrambi, hanno aiutato abbastanza, anche se i veri adattamenti/cambiamenti li ho fatti nel gioco live piuttosto che in quello online in questo 2013.

IPC: Trasferimento all’estero: molti tuoi colleghi, appunto, stanno fuggendo dall’Italia… non hai mai pensato, stando anche con Kara (Scott), di provare un’esperienza simile?

GR: Ci ho pensato a lungo e due anni fa ero letteralmente ad un passo da Malta. Amo molto il mio paese e per ora ci sto bene. Spero e credo, soprattutto, in una ripresa generale, pokeristica e non, ma per il futuro non mi sento di escludere nulla.

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari