Sunday, Dec. 4, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 6 Mar 2014

|

 

Cinquantenne ubriaco dilapida 500.000$ in una notte e denuncia il Casinò!

Cinquantenne ubriaco dilapida 500.000$ in una notte e denuncia il Casinò!

Area

Vuoi approfondire?

Quello che succede a Las Vegas, resta a Las Vegas!” La citazione, ripresa dal memorabile film con Bradley Cooper “Una notte da leoni“, non sempre corrisponde al vero.

Negli ultimi giorni, infatti, vi abbiamo raccontato alcuni incredibili casi accaduti negli States, “Basin City” compresa: coniugi con chip sopraffatte, un pensionato che rapina una banca e, direttamente da Vegas, la storia di Chad Pelton, bannato a vita dal “Caesar” Casino per aver sottratto un gettone dopo la vittoria di un torneo.

Se pensavate fosse tutto, però, vi sbagliavate di grosso. Protagonista di una nuova e quantomai grottesca vicenda è il 52enne Mark Johnston che, circa un mese fa, durante il week-end in cui tutta l’attenzione mediatica della Nazione era rivolta al Super Bowl, aveva deciso di trascorrere il proprio fine settimana nella capitale del gioco d’azzardo. Il buon Mark, “fedele” alla pellicola citata in apertura, passa l’intera nottata al Downtown Grand sorseggiando decine e decine di cocktail – non ci è dato sapere se abbia abusato anche del “rufis” -, giocando a Pai Gow Poker e a Blackjack completamente ubriaco.

Il giorno seguente, in totale hangover, Mark ci ha messo parecchio tempo prima di rendersi conto di quanto fosse accaduto: solamente verso tarda sera, Johnston coglie il “dramma” e capisce di aver dilapidato ben 500.000$.

La (triste) storia finirebbe qui se non fosse per il fatto che, pochi giorni dopo, Mark decide di denunciare il Casinò per avergli permesso di giocare in quelle condizioni e avergli continuato a portare da bere. Johnston richiede di avere indietro tutti i soldi giocati quella notte.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

L’incredibile vicenda è stata resa pubblica solamente oggi e l’avvocato di Mark, Sean Lyttle, ha rilasciato le prime dichiarazioni: “E’ una storia sicuramente fuori dall’ordinario. Io non ho mai visto un Casinò continuare a servire alcolici al tavolo ad una persona completamente fuori di sé e che, probabilmente, non era nemmeno in grado di vedere le carte. E’ stato un approccio decisamente inusuale.”

La portavoce del Casinò Amy Maier ha dichiarato che la compagnia non intende commentare la questione.

Il Gaming Control Board sta investigando sull’accaduto…

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari