Wednesday, Jan. 19, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 24 Lug 2014

|

 

Alessandro Minasi e l’account Facebook violato: “Ho il timore sia qualcuno all’interno del mondo del poker”

Alessandro Minasi e l’account Facebook violato: “Ho il timore sia qualcuno all’interno del mondo del poker”

Area

Vuoi approfondire?

Non c’è davvero pace per i poker player nostrani. Come abbiamo già ricordato stamani, dopo i casi di Massimo MoseleDavide Suriano e Gaetano Preite, nella giornata di ieri si sono registrati altri casi di account violati.

Tra questi anche Alessandro Minasi con l’allarme scattato nel pomeriggio quando Enrico Mosca comunicava proprio su Facebook il furto dell’account del compagno di scuderia Tilt Events.

Minasi era stato informato pochi minuti prima dall’amico Luca D’Alessio, che aveva ricevuto un messaggio privato su Facebook con la richiesta di prestargli dei soldi, in realtà mai avanzata da Ale:

“Ci ho parlato per venti minuti al telefono e non riuscivo a capire di cosa stesse parlando. Quando alla fine mi ha detto che poteva passarmi i soldi che gli avevo chiesto ho strabuzzato gli occhi e gli ho domandato cosa diavolo stesse dicendo. Mi ha chiesto se ero impazzito visto che appena dieci minuti prima gli avevo scritto su Facebook… A quel punto sono corso a prendere l’iPad e ho visto che non riuscivo più a collegarmi…”

Il tarlo che sta torturando Alessandro in queste ore è una ipotesi sicuramente da annoverare tra le plausibili:

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

“Nelle ultime vicende ho sentito parlare di hacker brasiliani, ma io non sono pienamente convinto di questa cosa. Un vero pirata informatico è in grado di fare di tutto e potrebbe spacciarsi per chiunque. Quel che mi fa pensare è il fatto che nelle poche ore libere in cui è riuscito a penetrare nel mio account, è andato a chiedere prestiti di denaro solamente a persone strettamente legate al mondo del poker. Vero, dai messaggi privati e da altre cose, alcuni sono facilmente riconducibili al Texas Hold’em, ma vi assicuro che ce ne sono degli altri che sarebbero stati praticamente impossibili da individuare e invece sono stati contattati. Questo mi fa temere che l’hacker possa essere qualcuno molto vicino al nostro mondo, se non addirittura un membro vero e proprio della community pokeristica…

E’ un Minasi ancora sensibilmente infastidito per quanto accaduto, eppure, nonostante lo spiacevole episodio, sarà regolarmente in pista, domani, per il day1b dell’IPT di Saint Vincent:

“Ho account e-mail ancora bloccati e domani mattina andrò a far denuncia alla polizia postale perché voglio fare massima luce su questa cosa. Sicuramente non è stata una bella esperienza: il fatto che l’hacker abbia avuto accesso a tutti i miei dati personali, le mail lavorative e la mia privacy più intima mi fa veramente arrabbiare, ma domani mi presenterò comunque ai tavoli del casinò de La Vallée.  Ero a conoscenza dei casi capitati ai miei colleghi ma mai avrei pensato che gli hacker potessero prendere di mira anche me.”

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari