Friday, Aug. 12, 2022

Poker Live

Scritto da:

|

il 11 Nov 2014

|

 

Final Table Wsop: le impressioni dei protagonisti

Final Table Wsop: le impressioni dei protagonisti

Area

Vuoi approfondire?

Siamo alla resa dei conti. Questa sera, o meglio questa notte per noi italiani, un pezzetto d’Europa incrocerà le dita per vedere i propri colori svettare sul tetto del mondo.

La “battaglia dei mari del Nord” vede l’olandese Jorryt Van Hoof in vantaggio sugli avversari scandinavi, ma come diceva il buon Trapattoni:”non dire gatto se non ce l’hai nel sacco”.

Nel corso della serata precedente la buona sorte è stata clemente clemente con Martin Jacobson, che per diverse orbite è stato in fondo al chip count senza mai perdere la speranza.

Tuttavia non è il solo ad aver avuto un buon rapporto con la dea bendata, dal momento che seduto accanto a lui c’è qualcuno che sulla fortuna due cosette le sa: il suo nome è Felix Stephensen.

Il norvegese, infatti, deve la sua stessa partecipazione al torneo di poker più prestigioso del mondo ad un’insolita scommessa sull’esito della partita tra Spagna e Australia nel corso dei mondiali brasiliani. Felix puntò sul risultato secco: 3-2 per la Spagna, e così fu. Il resto è storia, in parte già scritta con l’approdo al tavolo finale, in parte ancora da scrivere.

Il segreto per vincere? “Penso che sia necessario giocare al meglio, essere fortunati e sperare che tutto vada come dovrebbe andare” aveva dichiarato il Stephensen prima di sedersi al tavolo con gli altri November Nine.

Ingredienti essenziali, ma probabilmente non sufficienti per il suo “vicino di casa” Jacobson, che per tutta la durata del Day1 ha utilizzato dei tappi per le orecchie, in modo da lasciarsi alle spalle urla, schiamazzi e commenti dei presenti:”è come stare in una bolla. Grazie a questi sono riuscito a mantenere alta la concentrazione nel migliore dei modi“.

Il match a tre “sarà una battaglia divertente” prosegue Jacobson, che conferma come la pazienza sia”la chiave giusta per aver successo nei tornei di poker […] E’ essenziale sapere quali sono gli spot giusti, e personalmente è una cosa che ho imparato a fare meglio nel corso degli anni“.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Nel mentre il chipleader Jorryt Van Hoff sorride, preparandosi al Day2 con una bella dormita:”E’ un qualcosa che mi è riuscito piuttosto bene negli ultimi mesi“- scherza l’olandese -“perciò intendo farlo per un’altra notte. Poi dopo che tutto sarà finito probabilmente dormirò un po’ di meno e festeggerò un poco di più“.

Oltre ai tre finalisti, tutti più o meno galvanizzati dalla conquista del podio, c’è chi invece avrebbe preferito rimanere seduto al tavolo almeno fino al Day2.

Non solo per se stesso ma per la storia e i  colori americani, che per la prima volta non saranno presenti nei gradini più alti della competizione

William Tonking ha fatto il possibile, cominciando la scalata alla mano numero 56, quando ha deciso di chiamare l’all-in di Mark Newhouse con la sua coppia di donne.

Tuttavia la sua determinazione non è bastata ad arrivare in fondo, anche se il quarto posto e gli oltre 2 milioni di dollari intascati rimangono una “buona consolazione”. L’americano si ritene soddisfatto per quanto fatto nel corso della giornata:”E’ più di quanto avessi mai sperato di raggiungere. Non so cosa succederà in futuro, ora ho solo bisogno di dormire“. 

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari