Friday, Feb. 21, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 29 Ott 2014

|

 

Intervista al November Nine Martin Jacobson: “L’obiettivo è rendere al meglio, spero basti a vincere!”

Intervista al November Nine Martin Jacobson: “L’obiettivo è rendere al meglio, spero basti a vincere!”

Area

Vuoi approfondire?

Siamo quasi al conto alla rovescia. Mancano davvero pochi giorni all’inizio dell’atto finale del Main Event WSOP e l’attesa, come ogni anno in questo periodo, si fa frenetica.

Tra quote dei bookmakers e pareri sparsi qua e là su chi potrebbe essere il futuro campione del mondo, siamo andati a pizzicare direttamente uno dei prossimi protagonisti, ovvero lo svedese Martin Jacobson, assieme a Mark Newhouse il più esperto dei Nove che si giocheranno la prima moneta di dieci milioni di dollari e quel pesante braccialetto che non ‘schiaccia’ ma dà gloria pokeristica eterna.

Nel corso dell’intervista “The Italian Crusher” si è mostrato estremamente disponibile.

 

IPC: Il tavolo finale sta arrivando: la pressione inizia a farsi sentire?

Martin Jacobson: Senza dubbio sì, almeno un po’. Ma credo sia una buona cosa finché mi aiuta a rimanere concentrato e motivato. Nonostante la pressione che ci sarà, comunque, sarà fondamentale riuscire a gestirla e a rimanere calmi.

IPC: Martin, ti sei prefissato un obiettivo minimo oppure il braccialetto rimane il tuo unico pensiero?

M.J.: Il mio solo obiettivo è quello di rendere al meglio delle mie capacità, spero questo sia abbastanza per riuscire a vincere.

IPC: Sei probabilmente il giocatore più esperto tra i finalisti: come credi userai questa particolare ‘skill’?

M.J.: Userò la mia esperienza per rimanere focalizzato sul gioco. Non farsi distrarre dal contorno e dalla posta in palio sarà fondamentale.

IPC: Quando sbarcherai a Las Vegas? In che modo hai trascorso l’estate dopo le WSOP?

M.J.: Partirò per il Nevada il tre novembre, una settimana prima dell’inizio. Quest’estate ho giocato un paio di EPT, sono stato un po’ in vacanza e il resto del tempo ho cercato di prepararmi al meglio per questo evento.

IPC: Questo tavolo finale in Svezia è atteso come in Brasile per la presenza di Bruno Politano?

M.J.: (ride) Sfortunatamente no, non è così atteso. Gli svedesi non sono così appassionati di poker come lo sono i brasiliani! C’è comunque un buon numero di miei connazionali felici che io possa rappresentare il paese in un palcoscenico tanto importante. Non mancheranno, dunque, di seguirmi.

IPC: Hai ‘studiato’ per il tavolo finale? Ti sei confrontato con altri professionisti sulla strategia potenzialmente ottimale da mettere in pratica?

M.J.: Sì, ho lavorato molto duramente per prepararmi e migliorare il mio gioco, aiutato da alcuni dei migliori. E’ stata una grande opportunità per crescere pokeristicamente: sono estremamente grato a tutti coloro che mi hanno aiutato condividendo la loro conoscenza del gioco.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari