Tuesday, Jun. 25, 2024

Poker Live

Scritto da:

|

il 6 Nov 2014

|

 

Final Table Wsop: le statistiche dei November Nine

Final Table Wsop: le statistiche dei November Nine

Area

Vuoi approfondire?

Mancano solamente quattro giorni al tavolo finale più atteso dell’anno, quello che assegnerà il braccialetto del Main Event delle World Series of Poker.

Quattro sono anche i mesi che i November Nine hanno avuto a disposizione per prepararsi all’occasione della vita, quella che nella migliore delle ipotesi può capitare una sola volta.

Fa eccezione soltanto Mark Newhouse, autore di un back-to-back passato alla storia ancor prima di aver disputato il Final Table.

Il titolo mondiale fa gola così come i dieci milioni di dollari di prima moneta: il secondo premio più cospicuo mai assegnato alle World Series dopo quello vinto da Jamie Gold nel 2006, escludendo il Big One for One Drop che fa testo a sé.

Il portale pokernews.com ha riportato una interessante analisi del Day 7 – al quale hanno preso parte 27 player – giocato dai November Nine, con tanto di statistiche sul VPIP, PFR e RR.

Per i meno esperti, i tre parametri corrispondono nell’ordine:

1) VPIP – la % di piatti visti, escludendo i check da grande buio;
2) PFR – la % di raise pre-flop, compresa di tribet, fourbet etc.;
3) RR – la % di re-raise preflop.

Ecco le statistiche dei November Nine:

                                   tabelladddd

 

Ovviamente questi dati sono rivelatori, ma non indicativi. Sulla condotta dei singoli player  nel Day 7 del Main Event ha infatti sicuramente influito la relativa situazione di stack.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Il primo dato che emerge dalla tabella è che Mark Newshouse era bello lungo, visto il suo VPIP: il player statunitense è entrato volontariamente in circa un terzo delle mani totali, frutto di un gioco loose-passive ma soprattutto di una lunga esperienza accumulata nel corso degli anni.

La seconda posizione per piatti visti è occupata dal chipleader Jorryt van Hoof, che dalla sua non ha l’esperienza di Newhouse ma uno stack considerevole che gli ha permesso di esprimere un gioco spumeggiante.

Tra i più “nitty”, invece, troviamo il brasiliano Bruno Politano e l’americano Willy Pappacostantinou: la somma dei loro valori supera di poco la mole di piatti giocati dal solo Mark Newhouse.

Quest’ultimo comanda anche la seconda sezione, ovvero quella dedicata alla frequenza dei raise pre-flop, ma stavolta alle sue spalle non compare il chip leader del torneo bensì Dan Sindelar, tra i giocatori più aggressivi al tavolo.

Ultima posizione sempre per Bruno Politano, a dimostrazione che due stili di gioco completamente differenti possano ugualmente portare a risultati eccellenti.

La sorpresa arriva invece per la terza sezione, quella dei re-raise preflop. A guardare tutti dall’alto qui è Willy Pappas, che aprirà meno mani di Sindelar, ma quando decide di farlo non ha problemi  a rilanciare le aperture altrui.

Per contro Mark Newhouse, che non disdegna giocare quanti più piatti possibili, nel Day7 del Main Event ha optato per il re-raise solo nell 1.7% dei casi, poco più di un terzo delle volte rispetto ai già citati Pappas e Sindelar.

Nel Final Table questi valori saranno sicuramente condizionati dal numero di bui a disposizione dei singoli giocatori, che vanno dai 30BB di Bruno Politano ai 95BB di Jorryt van Hoof.

L’unica cosa certa è che il 10 novembre ci sarà da divertirsi!

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari