Tuesday, Aug. 20, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 3 Nov 2014

|

 

Il ‘povero’ campione WSOP 2013 Ryan Riess ha iniziato a giocare… in borsa!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Il ‘povero’ campione WSOP 2013 Ryan Riess ha iniziato a giocare… in borsa!

Area

Vuoi approfondire?

E’ trascorso quasi un anno dall’incoronazione di Ryan Riess come campione del mondo di poker: allora furono gioia, soldi a fiumi e un braccialetto che renderà per sempre scintillante la sua bacheca.

Ottomilionitrecentosessantunocinquecentosettanta dollari. Una cifra pazzesca soprattutto se vinta da un ragazzo giovane.

Eppure, stando a quanto ha dichiarato Riess in una recente intervista all’emittente americana CNBC, il professionista americano ha beneficiato di molti meno verdoni di quelli guadagnati al tavolo.

riess

Screenshot dell’intervista di Riess

In pratica Riess tra spese varie, tasse da pagare e investitori ai quali fare bonifici – ha spiegato in diretta televisiva – si è trovato sul conto in banca, a dodici mesi dalla vittoria WSOP, ‘appena’ due milioni di dollari. Tanti sì da gestire, ma non certo troppi da poter sperperare.

Affidandosi così a sé stesso e ai consigli di qualche fidato esperto, Riess ha iniziato a investire in borsa, scegliendo titoli piuttosto di grido come Apple, Disney, Facebook e Union Pacific, la sua compagnia ferroviaria preferita.

Apparentemente, dunque, parrebbe non aver rischiato troppo, anche se non si è mai immuni da qualche pericolosa ‘bad beat’ anche nel campo della finanza

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari