Friday, Jan. 27, 2023

Storie

Scritto da:

|

il 2 Ott 2015

|

 

Divieto di patch per il November Nine Joshua Beckley: sponsor censurato al tavolo finale del Main WSOP

Divieto di patch per il November Nine Joshua Beckley: sponsor censurato al tavolo finale del Main WSOP

Area

Vuoi approfondire?

Il tavolo più importante dell’anno si avvicina ogni giorno di più.

Come di consueto iniziano a fioccare le sponsorizzazioni per i November Nine, i nove finalisti del Main Event WSOP che concluderanno la sfida -come si evince dal nome- a novembre, tutti a caccia della prima moneta da sette milioni e mezzo di dollari.

Il neo-milionario Joshua Beckley, settimo nel chipcount con 29 bb, ha appena accordato una sponsorship con America’s Cardroom, una poker room online sulla quale Josh ha giocato per anni:

“Ho giocato su America’s Cardroom prima che stringessimo accordi e prima di arrivare al Final Table. Ho giocato per tre anni con loro, stanno offrendo agli Stati Uniti un sito dove giocare e sono riuscito a fare cash out senza nessun problema, quindi li supporterò di certo.”

Beckley appunto, pur avendo rivelato di avere contatti con altre poker room, prenderà parte a tutti e 4 gli eventi con un milione di dollari garantiti organizzati da America’s Cardroom, trasmettendo le sue sessioni in streaming su Twitch.

Purtroppo però dopo il Black Friday in America ed il successivo riavvio (parziale) alle poker room online, c’è un po’ di confusione sulla legalità delle varie room, in quanto i regolamenti variano da stato a stato.

Le World Series Of Poker però hanno valutato la room come “illegale”, ed il regolamento WSOP prevede che nessun giocatore possa indossare loghi, slogan o linguaggi promozionali che abbiano a che fare con qualsiasi ente, prodotto o servizio che offre gaming illecito, quindi per Josh vige il divieto di indossare la patch della room che rappresenta.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Quando in un’intervista del portale pokerfuse.com gli è stato chiesto della legalità di giocare dagli Stati Uniti sugli offshore sites, Josh ha risposto:

“Penso che non sia legale giocarci solo dove è regolamentato. Io gioco da West Palm Beach, Florida.”

aggiungendo poi di aver provato a giocare sulle room regolamentate, ma la scarsità di traffico è risultata proibitiva.

 

Se volete seguire le sessioni di Beckley sulla room che lo sponsorizza potete seguire il suo canale Twitch!

Watch live video from JoshuaBeckley on www.twitch.tv

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari