Tuesday, Jul. 16, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 3 Mag 2017

|

 

Fedor Holz ora investe su una app di mental coaching: “Mi aiuta a dare il massimo anche al tavolo”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Fedor Holz ora investe su una app di mental coaching: “Mi aiuta a dare il massimo anche al tavolo”

Area

Vuoi approfondire?

Finalmente scopriamo qualcosa di più concreto sui nuovi progetti di Fedor Holz.

Il talentuoso player tedesco, come sappiamo, da un po’ di tempo ha messo il poker in secondo piano per dedicarsi ad altro.

Ai tornei più importanti Holz c’è sempre, ma continua a ripetere di essere ormai un amatore, nonostante abbia solo 23 anni!

In carriera ha vinto oltre 22 milioni in tornei live ed evidentemente sono abbastanza… Holz è primo nella Money List tedesca e 7° in quella mondiale.

In questi mesi ci siamo chiesti cosa stia architettando lontano dai tavoli. Un video apparso online qualche giorno fa ci chiarisce le idee. Nel filmato appare Holz che promuove l‘app Primed Mind.

Si tratta di un’applicazione che sostituisce in pratica un mental coach. Holz, a quanto pare, ha sposato la causa e dalla sua bellissima dimora dispensa consigli di vita:

La fiducia è una cosa importante, che va considerata come una skill da provare a migliorare. Io mi sono trovato nella situazione in cui le mie capacità ancora non erano emerse.

Sono cresciuto come un bambino molto sognatore. Mi interessavano molte cose, ero creativo e mi piaceva esplorare. Però non portavo mai a termine le attività che iniziavo.

Ho iniziato a fare il poker pro per divertimento. Mi piaceva il gioco e intanto miglioravo. Volevo vedere fin dove sarei potuto arrivare. Mi impegnavo in ogni mano e in ogni momento. Ciò richiedeva molta concentrazione.

Primed Mind è molto importante per me. Combina molte mie idee. Mi aiuta non solo nel poker ma anche in tutte le mie giornate. Mi fa capire qual è la miglior versione di me e come vorrei apparire.

Due anni fa volevo diventare il miglior giocatore del mondo. La gente non mi prendeva seriamente all’inizio. Credo che ora mi prendano seriamente“.

 

 

Holz ha parlato in questi giorni anche durante il PSC di Monte Carlo al microfono di PokerNews, chiarendo un po’ quello che sta combinando:

L’anno scorso ho deciso di giocare meno tornei e ho cercato di sfruttare creativamente in altri campi quello che ho imparato grazie al poker.

Mi sono imbattuto in Primed, compagnia che crede nel concetto di condivisione del sapere. Ci sono molti settori nei quali è importante gestire lo stress come nel poker.

Io uso personalmente l’app e mi ha aiutato anche in molti tavoli finali. Il poker mi emoziona ancora ma è una piccola parte ormai della mia vita. Mi limito a giocare gli High Roller dove il field è più stimolante per me“.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari