Friday, Dec. 13, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 13 Nov 2019

|

 

Perché Zinno ha sbagliato a chiamare contro Sammartino secondo il vincitore Alex Kolonias

Perché Zinno ha sbagliato a chiamare contro Sammartino secondo il vincitore Alex Kolonias

Area

Vuoi approfondire?

A distanza di due settimane il call di Anthony Zinno al nostro Dario Sammartino brucia ancora.

Non tanto per l’esito della giocata, quello non dipende certo dalla volontà dei giocatori anche se a conti fatti si rivelerà determinante, quanto per il fatto che quel call il buon Anthiny se lo sarebbe potuto benissimo evitare.

E non a detta del diretto interessato, Dario Sammartino, che ovviamente non sarà stato felice di riceverlo, ma del vincitore del Main Event WSOPE 2009, Alexander Kolonias.

Il punto di vista di Zinno

La mano che ha stracciato le ambizioni del nostro portacolori si riassume in uno shove, per 21 big blind effettivi, con A-J off da SB e il call di Zinno da BB con K-10 suited.(CLICCA QUI per approfondire la matematica del call di Anthony Zinno)

Chi vi scrive ha avuto la fortuna di trovarsi al posto giusto al momento giusto per poter chiedere a Anthony Zinno quale fosse il suo bottom range di call in quel frangente e quale range attribuisse a Dario. Ecco la risposta:

Dario si aspetta che io foldi più volte di quante effettivamente non debba fare, anche perché è la prima volta che decide di andare all-in in blind war invece di limpare. Tuttavia se lui si aspetta che passi più del previsto io devo necessariamente allargare il mio range di call, che normalmente arriverebbe a K-Js. Devo allargarlo soltanto di pochi punti percentuali, ecco perché in questo caso K-T suited rappresenta il bottom del mio calling range. 

Se non fossi stato ultimo in chip in un tavolo dove l’edge tra i giocatori è sottilissima, per questioni di ICM avrei potuto passare anche K-Q, ma qui Dario può shovare con profitto sia tutti i K-x suited che mani come 8-9s: nessuno si sarebbe scandalizzato se allo showdown si fosse presentato proprio con questa combo. Riassumendo, in questo frangente chiamo tutte le Coppie sopra i Sei e K-Ts/K-Jo.

Il parere di Alex Kolonias

Il vincitore del Main Event WSOPE 2019 è un noto regular online, ben conosciuto ai piani alti del palinsesto di PokerStars col nick “mexican222“.

Approfittando di una pausa caffè al bar del King’s riesco a scambiare quattro chiacchiere con Alex e la sua compagna, con Enrico Camosci particolarmente divertito nell’assistere alla scena:

Ma come li hai intortati?” – mi sussurra Enrico che nel mentre si presenta col suo nickname online.

Tralasciando inutili digressioni sul savoir-faire chiedo ad Alex Kolonias la sua opinione sul call di Anthony Zinno:

Onestamente non mi è piaciuto. Al posto suo, in quella situazione e con quello stack il mio bottom range sarebbe stato perlomeno K-J suited. Lui ha dichiarato di aver chiamato per via della sua situazione in stack e dell’edge ridotta? Come motivazione ci può stare, ma io avrei chiamato con un range più stretto.”

Quando parli del tuo bottom range tieni conto del range specifico di Dario o parli in generale?

No, non mi riferisco in particolare a lui, non lo conosco così bene per poter definire con precisione il suo range. Dico in generale, in quella situazione il mio bottom range sarebbe stato K-J/K-Q suited.”

E voi siete d’accordo col Alex Kolonias? Scrivetecelo sulla nostra Fanpage!

Photo Credits: Stefano Atzei

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari