Poker e real life: l’insegnamento più importante secondo Alec Torelli | Italiapokerclub

Monday, Apr. 6, 2020

Strategia

Scritto da:

|

il 27 Gen 2020

|

 

Poker e real life: l’insegnamento più importante secondo Alec Torelli

Poker e real life: l’insegnamento più importante secondo Alec Torelli

Area

Vuoi approfondire?

Tra i motivi per cui il Texas Hold’em è diventato così popolare ci sono gli infiniti parallelismi possibili tra gioco e real life.

La complessità del gioco e l’incidenza del caso, proprio come accade nella vita quotidiana, fanno sì che alcune di queste considerazioni risultino particolarmente azzeccate.

A riguardo, il buon Alec Toelli ha deciso di dedicarci addirittura un video, parlando nello specifico di “All-in”. Sentiamo bene in che modo però…

Lascia, raddoppia o nessuna delle due?

Uno degli aspetti che ha reso il Texas Hold’em popolare è il concetto di all-in: “L’idea di poter rischiare tutto in qualsiasi momento, mettendo in mezzo le chip tutte in una volta” – esordisce Alec.

“Effettivamente nel poker questo è possibile, ma la linea tra il puntare dei soldi e gamblarsi tutto o essere disciplinati e aspettare il momento migliore per giocarsi le proprie chance di vittoria è molto sottile.

In ogni momento infatti potresti andare all-in, dal preflop, al flop, al turn e in qualsiasi tipo di situazione o con qualsiasi starting hand. Questo è tanto vero nella vita quanto, in particolare, nel business.

Il filo diretto tra poker e business

Immagina di aver aperto una nuova startup, di voler assumere una nuova persona o andare ‘all-in’ con una strategia di marketing precisa.

Puoi farlo in qualsiasi momento e può rivelarsi la mossa vincente se fatta al momento opportuno o una catastrofe se messa in atto senza i dovuti accorgimenti.

Il trucco è lo stesso, essere sufficientemente disciplinati al fine di scegliere la mano migliore e quindi la situazione ideale per andare all-in.

La virtù dei forti

Nel poker è molto difficile avere pazienza e disciplina per passare mani mediocri o addirittura molto forti, ma è una caratteristica necessaria per avere successo: ci sarà tutto il tempo per aspettare una situazione migliore.

Nel poker hai molto più tempo di quanto non pensi di averne, infatti una delle reazioni più comuni tra chi comincia a giocare è proprio quella di cacciarsi nei guai con mani marginali perché ‘Hey, c’è un’opportunità qui, devo assolutamente giocare questo colpo, non posso non vedere almeno il flop qui e via dicendo…’

Col tempo e con l’esperienza però, realizzi che questa curiosità costa cara e porta a una strategia di gioco perdente.

Ti troverai a perdere tanti soldi in ogni singola mano quando le carte non ti sorrideranno, mentre sarebbe sufficiente essere semplicemente un po’ più selettivo e, invece di giocare il 50 % delle starting hand, limitarsi a giocarne magari il 10%.

Rischio (fin troppo) calcolato

Quando poi giochi con una buona mano e hitti un punto forte sul board, allora lì sarà il tuo momento per rischiare qualcosa in più perché sai essere lo spot giusto.

Tuttavia se aspetti troppo perché hai paura di rischiare e giochi soltanto le mani più forti, beh farai l’errore contrario.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Hittare il punto nut, ovvero la combinazione più forte possibile, è così difficile che capiterà davvero raramente nel corso di una partita.

Un approccio sbagliato che molti giocatori adottano infatti, è proprio quello di giocare così tight da precludersi da soli le chance di vittoria in attesa di avere la certezza matematica di vincere.

Ci sarà quasi sempre una potenzialmente più forte della tua, quindi non ha senso aspettare il nut perché in questo modo potresti non trovare mai lo spot giusto per rischiare.

Quando poi capiterà, probabilmente nessuno avrà un punto così forte da pagare la tua puntata e folderanno tutti.

A mezza via

Una cosa fondamentale che si impara giocando a poker è questa: una volta acquisita la disciplina e l’esperienza necessaria per attendere lo spot migliore, non importa avere il nut assoluto.

Puoi rischiare qualcosa anche se non tutto è perfetto e nella vita vale la stessa cosa: la chiave sta nell’agire al momento opportuno.

Immaginate quante persone nel business che vogliono dar vita a un progetto, a una startup a una strategia di marketing, pianificano tutto nei singoli dettagli per mesi e mesi senza prendere mai una decisione.

A volte bisogna semplicemente fare azione, così come nel poker: se si rivelerà una scelta non ottimale si può sempre passare alla mano successiva.

E’ solo una questione di pazienza, saper essere selettivi e cogliere l’occasione e allo stesso tempo non avere un atteggiamento troppo conservativo giocando tutto il giorno senza mai prendere l’iniziativa.”

Se vi siete persi le 5 caratteristiche di un giocatore di successo secondo Alec Torelli, DATE UNO SGUARDO QUI!

E voi che ne pensate dei consigli di Alec? Scrivetecelo commentando sulla nostra Fanpage!

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari