Che bluff bestiale al Bike! E Adelstein la spunta con una misera bottom pair | Italiapokerclub

Friday, May. 29, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 29 Gen 2020

|

 

Che bluff bestiale al Bike! E Adelstein la spunta con una misera bottom pair

Che bluff bestiale al Bike! E Adelstein la spunta con una misera bottom pair

Area

Vuoi approfondire?

C’è un casinò americano dove lo spettacolo pokeristico non manca mai.

Parliamo del Bicycle in California, location capace di regalarci sempre storie e spunti interessanti per quel che concerne il cash game.

Rituffiamoci allora nell’action del cash grazie al canale ‘Live at the Bike!‘ e alle sue imperdibili mani. Stavolta i protagonisti del colpo sono due fortissimi reg di casa.

A spuntarla in maniera brutale nello spot è Garrett Adelstein contro Andy Tsai, soprannominato Asian Andy. Di sicuro avrete già visto le loro facce se seguite i nostri articoli o il poker live su YouTube.

Ma non indugiamo oltre. Ecco l’azione. Si gioca a NL Hold’em davanti alle telecamere. I bui sono $25/50/100 più $50 di BB Ante. Sei giocatori seduti al tavolo. Adelstein parla e sorride con gli avversari mentre il dealer dà le carte.

Il player James chiama ($100) preflop con 98 ca CO. Andy rilancia allora a 450 con KQ da SB. Garrett risponde con 1.500 nel mezzo nonostante una starting hand discutibile come 104. James folda; Andy chiama fuori posizione.

La guerra tra due top reg

Casca un flop 46Q. Andy checka, Garrett con la bottom pair floppata mette nuovamente 1.500 pezzi. Andy è ancora avanti e chiama, forte ora della sua top pair.

Turn: J. La trama più o meno si ripete. Andy checka; Garrett spara 6.000, importo quasi pari al pot da 6.200 chips. Andy ci pensa, guarda le proprie chips e chiama.

River: 7. Andy checka con 38.175 ancora nello stack. Garrett lo copre abbondantemente con 68.035. Il pot è di 18.200 dollari. Garrett scruta lo stack avversario e dichiara l’all in!

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Andy si riguarda le carte più volte, chiede tempo extra ed entra così ‘in the tank’.

L’analisi della mano spettacolare

Il commentatore del Bike dice al river durante il filmato: “Il cervello di Andy ora è nel frullatore. Cerca di mettere insieme i pezzi del puzzle. Garrett sta raccontando di avere un flush o qualcosa come top set, ma Andy ha un blocker per entrambe le cose. Garrett potrebbe comunque avere J-J, ma sta rappresentando soprattutto un flush. Un flush nuts con AK o A5 o A10“.

Siete d’accordo con l’analisi? Le mani suited citate sono quelle che avrebbero potuto continuare a spingere con molta equity, visto i possibili progetti di scala e di colore.

Dall’altra parte Andy non ha la miglior top pair ma una Q interessante poiché di cuori. Praticamente un bluff catcher, in ogni caso.

Considerate anche l’history tra i due forti regular. Ma forse questi discorsi vi hanno annoiato? Volete sapere come è finito il colpo in questione? E allora torniamo al video…

L’epilogo dopo la lunga tankata

Andy alza ancora le carte, si guarda in giro, giochicchia con le chips mentre Garrett resta impassibile. Dopo quasi 3 minuti e mezzo di tankata, Andy folda la best hand. Garrett incassa e non gira carte. È o non è il più duro?

In questa mano Garrett ha deciso di spingere al massimo sull’acceleratore in bluff quasi totale. Forse solo al flop poteva pensare di essere buono. E al river con una puntata più standard probabilmente pensava di non far passare abbastanza mani.

Di certo ha rischiato, come testimonia la tankata avversaria da oltre 3 minuti, ma alla fine il blocker di Tsai in quella mano si è rivelato troppo debole. Chi avrebbe avuto il coraggio di chiamare su quel river?

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari